Terra piatta, la nuova assurda teoria complottista: “L’Australia non esiste”

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 26 novembre 2018 16:10 | Ultimo aggiornamento: 29 novembre 2018 0:56
Australia non esiste: assurda nuova teoria complottista

Terra piatta, la nuova assurda teoria complottista: “L’Australia non esiste”

ROMA – Una nuova assurda teoria complottista di chi crede che la Terra sia piatta sta dilagando nel web: “L’Australia non esiste”. Secondo i terrapiattisti né il continente, né i suoi 24 milioni di abitanti sono reali. A sostenerlo è la Flat Earth Society su Facebook in un post dell’ottobre 2017, tornato virale in questi giorni, che sostiene come l’Australia fosse una bufala creata ad hoc dal governo inglese per nascondere crimini di massa. 

Nel post su Facebook si legge: “L’Australia non esiste, tutto quello che chiamate prove sono in realtà bugie ben fabbricate dai governi di tutto il mondo. I vostri amici australiani sono solo attori o robot e fanno parte di un complotto mondiale. Se pensate di essere stati in Australia, vi sbagliate di grosso. In realtà, siete stati sulle isole vicine o addirittura in Sud America e quelli che avete incontrato sono solo attori, ingaggiati dalla Nasa per recitare come se fossero veri australiani”.

E ancora: “L’Australia è una delle più grandi bufale mai create e siete stati tutti ingannati. Unitevi al nostro movimento, e fate sapere che li avete smascherati. Fate sapere che è tutta una copertura. Tutte le notizie che giungono dall’Australia sono falsità, utilizzate per distrarvi dalla terribile verità di uno dei più grandi genocidi della storia. Dicono di aver trasportato 162mila persone per circa 80 anni, in realtà non hanno mai raggiunto quella terra promessa e sono stati gettati in mare”.

Poi dopo il complottismo, ecco arrivare la propaganda nel passaggio finale: “Non abbiate paura di dire la verità e di lottare per ciò che è giusto. Diffondete la verità nel mondo: l’Australia non esiste, è solo una copertura per nascondere uccisioni a sangue freddo di oltre 100mila persone. Non è giusto, e noi non lo accetteremo mai. Lottate per chi è stato ucciso e fatelo sapere: l’Australia non esiste”.