Tiangong-1, la percentuale di una possibile caduta su Italia scesa a 0,1%

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 aprile 2018 19:25 | Ultimo aggiornamento: 1 aprile 2018 19:25
Tiangong-1, la percentuale di una possibile caduta su Italia scesa a 0,1% (foto Ansa)

Tiangong-1, la percentuale di una possibile caduta su Italia scesa a 0,1% (foto Ansa)

ROMA – “La percentuale di colpire il nostro territorio è scesa allo 0,1% e di qui alle prossime ore avremo la possibilità di escludere che il territorio italiano venga colpito da frammenti della stazione spaziale cinese”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela gratis da Google Play.

Così il capo del Dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli, al punto stampa convocato al Dipartimento con il direttore dell’ufficio Emergenze Luigi D’Angelo e il referente dell’Agenzia spaziale italiana, Claudio Portelli.

“Abbiamo novità positive – dice Borrelli – La nuova proiezione dice che i passaggi che dovrebbero interessare l’Italia sono due: il primo, tra le 4,25 e le 4,55 (intervallo di confidenza dell’80%) di questa notte non tocca l’Italia se non in una piccolissima parte dell’isola di Lampedusa, ed è il passaggio più probabile. Il secondo passaggio vede coinvolte le regioni centrali (in particolare Sardegna, parte di Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Umbria, un pezzo della Basilicata) dalle ore 5,58 alle 6,28 (finestra di incertezza di 4 ore, intervallo di confidenza del 95%)”.

“Abbiamo già potuto escludere alcune tracce di caduta – conclude Borrelli – l’ora nominale sta tornando indietro, e quindi possiamo pensare che tra qualche ora potremmo escludere che i frammenti toccheranno i nostri territori. Il comitato operativo è già’ convocato per le 3 di notte ma se si esclude il passaggio non bisognerà tuttavia convocarlo”.