Tiangong-1, la stazione spaziale cinese è fuori controllo potrebbe cadere in Europa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 marzo 2018 6:50 | Ultimo aggiornamento: 8 marzo 2018 19:53
Tiangong-1, la stazione spaziale cinese è fuori controllo potrebbe cadere in Europa

Tiangong-1, la stazione spaziale cinese è fuori controllo potrebbe cadere in Europa

ROMA – La stazione spaziale cinese Tiangong-1, con a bordo sostanze chimiche altamente tossiche, è fuori controllo e potrebbe colpire la Terra nell’arco di 21 giorni.

L’impatto di Tiangong-1, “palazzo celeste”, sulla Terra potrebbe avvenire tra il 29 marzo e il 9 aprile.
Secondo gli esperti, la prima stazione spaziale cinese lanciata nel 2011, la cui massa è di 8,5 tonnellate, conterrebbe idrazina.
Le agenzie di tutto il mondo, che ne hanno monitorato la perdita di quota, ritengono che abbia una maggiore possibilità di colpire Europa, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda.
La data precisa e il punto d’impatto potranno essere stabiliti solo nelle settimane finali della discesa.
Gli esperti dell’Agenzia spaziale europea (ESA), con sede a Parigi, sono tra quelli che seguono Tiangong-1 ritengono che l’impatto potrebbe essere tra il 17 marzo e il 21 aprile.

Aerospace, un’organizzazione di ricerca USA che fornisce consulenza a imprese governative e private per il volo spaziale, ha aggiornato le date di rientro: settimana di più o di meno, il 3 aprile.
Più difficile prevedere che punto colpirà, anche se gli esperti concordano che sarà tra le latitudini 43° nord e 43° sud.
Le possibilità sono leggermente superiori negli Stati settentrionali degli Stati Uniti, nell’Italia centrale, nella Spagna settentrionale, nella Cina settentrionale, in Nuova Zelanda, nel Medio Oriente e in alcune aree del Sudafrica e dell’Africa meridionale.

“Ogni due anni succede qualcosa di questo tipo, ma Tiangong-1 è grande e va tenuto d’occhio” ha detto al Guardian Jonathan McDowell, un astrofisico dell’Harvard University.
Nella fase di rientro, la maggior parte della stazione prenderà fuoco, circa il 10-40% si trasformerà in detriti e alcune parti contenere l’idrazina.
Negli ultimi mesi, il veicolo spaziale ha accelerato e ora sta perdendo quota di circa 6 km a settimana. A ottobre di 1,5 km a settimana.
Il sito web Satflare, che fornisce il monitoraggio 3D online di oltre 15.000 satelliti, ha calcolato quali sono le probabilità che la stazione spaziale entri nell’atmosfera terrestre nei prossimi tre mesi.
Secondo l’analisi degli elementi orbitali raccolti negli ultimi mesi, il rientro potrebbe verificarsi a marzo (20%), ad aprile (60%) o a maggio 2018 (20%). Previsioni che tuttavia potrebbero cambiare quando saranno disponibili nuove coordinate orbitali.
Anche Aerospace Corp ha fatto una previsione sulla possibilità di essere colpiti dai detriti. Un portavoce della società ha detto:”La probabilità che una persona venga colpita dai detriti di Tiangong-1 è circa un milione di volte inferiore a quella di vincere il jackpot Powerball. Nella storia del volo spaziale, nessuno è stato mai danneggiato dalla caduta di detriti spaziali”.
Il 14 settembre 2016, la Cina aveva diffuso una dichiarazione ufficiale in cui prevedeva che Tiangong-1 sarebbe rientrato nell’atmosfera terrestre nella seconda metà del 2017.