Usa. F.D.A. approva nuovo test ”casalingo” per accertare infezione Aids

Pubblicato il 4 luglio 2012 11:44 | Ultimo aggiornamento: 11 luglio 2012 19:21

Il tampone del test OraQuick

WASHINGTON, STATI UNITI – Dopo decenni di controversie la Food and Drug Administration (F.D.A.), l’ente federale di controllo americano su farmaci e alimentari, ha approvato la commercializzazione di un nuovo test per il controllo dell’Aids che per la prima volta consente di accertare in casa propria se si è infetti, a quanto riferisce il New York Times.

La disponibilità di un test ”casalingo” facile da usare come quelli per l’accertamento della gravidanza rappresenta un altro passo in avanti nella lotta contro una malattia che fino a non molto tempo fa rappresentava un marchio di vergogna e una sentenza di morte. Il nuovo test, chiamato OraQuick e prodotto da OraSure Technologies, funziona introducendo un tampone in bocca e fornisce il risultato nel giro di 20-40 minuti. Un precedente test richiedeva di bucarsi un dito e poi inviare il sangue essiccato ad un laboratorio.

Il dottor Anthony Fauci, noto ricercatore sull’Aids e direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, ha definito il nuovo test ”un positivo passo avanti” che potrebbe porre la trentennale malattia sotto controllo. Curare le persone infette con farmaci antiretrovirali riduce del 96 per cento la possibilità che trasmettano il virus ad altri, ed è per questo che cure e controlli sono cruciali ai fini della prevenzione.

Circa il 20 per cento del milione e 200 mila americani malati di Aids non sanno di esserlo e 50 mila persone sono infettate ogni anno, secondo i dati forniti dai Centers for Disease Control and Prevention. Il dottor Robert Gallo, ex-direttore del National Institute of Health, che sviluppò il primo test sanguigno per l’accertamento della presenza del virus, ha definito ”eccezionale” l’approvazione del nuovo test da parte della F.D.A. ”perchè contribuirà all’aumento delle persone che si fanno curare ed alla diminuzione di nuove infezioni”.