Venezia ha 1300 anni e non 1100: lo dicono due noccioli di pesca

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 gennaio 2018 11:42 | Ultimo aggiornamento: 4 gennaio 2018 11:47
venezia-noccioli-pesca

Venezia ha 1300 anni e non 1100: lo dicono due noccioli di pesca

ROMA – Venezia ha 1300 anni e non 1100: lo dicono due noccioli di pesca. Bisogna aggiungere un paio di secoli alla augusta età di Venezia, non è vero che abbia solo 1100 anni. Tra il 650 e il 770 dopo Cristo qualcuno impegnato a contendere all’acqua lo spazio per edificare una nuova città stava lavorando alle canalizzazioni. E mangiava pesche: proprio un paio di noccioli ritrovati a circa 4 metri di profondità sotto il pavimento della Basilica di San Marco sono la prova della necessità di questa sorprendente retrodatazione.

La presenza dei noccioli – sottoposti alla prova del carbonio per stabilirne l’età – certifica una nascita della città anticipata. Finora quella ufficiale forniva come data l’828 dopo Cristo, sempre nello stesso primigenio insediamento di San Marco.

L’archeologo Albert Ammerman della Colgate University assicura che i frammenti di ceramica e metallo rinvenuti insieme ai noccioli forniscono “la prova che già al tempo si stava cercando di riempire i corsi d’acqua per creare terra abbastanza asciutta per costruire la città”.

Secondo il Chronicon Altinate, il primo insediamento a Venezia sulla Riva Alta, quella che noi oggi conosciamo come Rialto, risalirebbe al 25 marzo del 421 con la consacrazione della chiesa di San Giacometo sul Canal Grande. Studi più recenti hanno però dimostrato che la chiesa di Rialto in realtà è assai più tarda e che sia stata edificata intorno al 1100, lasciando così il primato a San Marco, consacrata nell’828 dopo Cristo. (Noemi Penna, La Stampa)