Viaggio al centro della Terra…nei vulcani delle Samoa: com’era il pianeta

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 novembre 2014 7:30 | Ultimo aggiornamento: 31 ottobre 2014 15:30
Viaggio al centro della Terra...nei vulcani delle Samoa: ecco com'era il pianeta

Viaggio al centro della Terra…nei vulcani delle Samoa: ecco com’era il pianeta

ROMA – Com’era il pianeta appena nato? Per rispondere a questa domanda bisogna fare un “viaggio al centro della Terra”, passando dai vulcani delle isole Samoa. Proprio analizzando la loro lava, che arriva dal mantello, i ricercatori dell’Università della California, guidati dal geochimico Matthew Jackson, sono riusciti a scoprire la composizione primordiale del pianeta.

Intrappolati nel mantello, sotto la crosta terrestre, si trovano infattili i primi mattoni fossili del giovanissimo Sistema solare, formatisi dall’aggregazione dei grani di polvere della nebulosa da cui è nato il Sole. In una sorta di carambola spaziale questi blocchi rocciosi si sono scontrati e assemblati fino a dare forma alla Terra e agli altri pianeti rocciosi della nostra famiglia planetaria.

Ma perché cercare questi fossili proprio nelle isole Samoa? La risposta è semplici, i vulcani delle Samoa sono degli “hot spot”, cioè dei punti caldi aperti nella crosta terrestre e la cui lava proviene direttamente dalla profondità del mantello. Cosa che invece non avviene con gli altri vulcani, che sono originati sui punti d’incontro di due placche tettoniche differenti.

5 x 1000

Gli “hot spot”, rispetto ai vulcani “normali”, nascono invece dalle correnti ascensionali calde, dette pennacchi, che provengono dal mantello e sollevano la crosta terrestre facendo risalire il magma da grandi profondità.

Un vero e proprio viaggio “al centro della Terra” dunque quello compito dai ricercatori americani, che hanno analizzato le concentrazioni e le proporzioni di isotopi di piombo ed elio nella lava. Proprio osservando le proporzioni i ricercatori sono riusciti ad individuare i “fossili” del sistema solare e hanno scoperto che la maggior parte del pennacchio è costituito proprio da questo materiale.