Virgin Orbit, fallito il primo lancio del razzo LauncherOne

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Maggio 2020 11:09 | Ultimo aggiornamento: 26 Maggio 2020 11:48
Virgin Orbit, fallito primo test lancio per razzo LauncherOne

Virgin Orbit, fallito primo test lancio per razzo LauncherOne (Credit: Virgin Orbit)

ROMA – Il primo lancio del razzo LauncherOne di Virgin Orbit è fallito.

La società di Richard Branson, il miliardario britannico, aveva previsto una probabilità di riuscita del test al 50%.

Per questo motivo, ha riferito di avere già un altro razzo pronto per un secondo lancio.

Il test di lancio è stato eseguito nei cieli dell’oceano Pacifico, al largo di Los Angeles.

La società ha dato notizia del lancio e ha spiegato che trasportava un satellite di prova, che si è sganciato con successo.

A causa di una anomalia non specificata, però, il satellite non è riuscito a raggiungere lo spazio.

Nonostante il lancio fallito, la missione si è conclusa in sicurezza e per questo motivo la Virgin Orbit si è detta soddisfatta e ritiene di aver fatto “un grande passo avanti”.

“I voli di test sono progettati per fornire dati e ora ne abbiamo un tesoro”, ha detto Dan Hart, presidente della Virgin Orbit.

Elon Musk, fondatore di SpaceX, su Twitter ha manifestato la sua solidarietà al team di Branson.

“L’orbita è dura. A noi sono serviti 4 lanci con il Falcon 1”, ha scritto Musk.

L’obiettivo della società Virgin Orbit è quella di entrare nel mercato del lancio in altitudine dei mini-satelliti, cioè quelli con un peso tra i 300 e i 500 chili destinati a raggiungere l’orbita terrestre.

Il primo lancio quindi non è un fallimento di cui disperare, ma solo un primo test che ha fornito importanti dati che aiuteranno la società ad affinarli durante il secondo lancio. (Fonti: Virgin Orbit, Twitter)