Furti d’auto. Il lato b scoverà il ladro, arriva lo “scanner” giapponese

Pubblicato il 30 Dicembre 2011 20:18 | Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre 2011 20:21

TOKYO – Sta per finire l’era dell’allarme sonoro, dell’antifurto satellitare o di quello “con le palle”: dal Giappone arriva il seat scanner, lo scanner per il lato b.

Piazzato sul sedile, l’ultima trovata contro i ladri di auto, identifica il furbo che se ne è appropriato attraverso la sagoma del suo sedere.

Il trucco, inventato dall’Istituto Superiore di Tecnologie industriali, è nel seggiolino. Il sistema così può scovare il ladro-guidatore, meglio delle impronte digitali o dell’iride, con una precisione che tocca il 98%.

I ricercatori vantano il metodo come meno invasivo. Tra due o tre anni dovrebbe arrivare sul mercato, stando a quanto scrive The Daily. Resta un mistero: verrà creato uno schedario  ad hoc con le misure del sedere?