Bologna, attivisti “antisfratto” occupano la torre della stazione

Pubblicato il 10 Dicembre 2010 15:56 | Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre 2010 15:55

Stazione di Bologna

Due attivisti, uno di ‘Bologna prende casa’ e uno di ‘Asia Rdb’, hanno occupato venerdì mattina intorno alle 10.30 la torre della stazione centrale di Bologna, chiedendo alle istituzioni risposte all’emergenza abitativa.

I due esponenti del movimento hanno esposto uno striscione con scritto ”Blocco degli sfratti, più case popolari”. Un altro striscione, invece, chiede ”un tetto per tutti”. Ai piedi della torre sul ponte Matteotti è stato mostrato un terzo striscione con scritto ”più case meno cassa, no alla svendita del patrimonio pubblico”.

Il riferimento è all’asta delle ex aree militari che prevede la vendita a privati di oltre 150.000 metri quadri di patrimonio immobiliare: ”Un’operazione incomprensibile vista l’emergenza sociale in corso – spiegano gli attivisti – con 3.000 sfratti in esecuzione per morosità e 10.000 richieste di case popolari questa svendita e’ un insulto”. Gli attivisti sono controllati a distanza da un paio di agenti della polizia.

[gmap]