Buchi neri, la “strana coppia”: danzano nella galassia a 3,8mld anni luce da noi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Dicembre 2013 5:00 | Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre 2013 17:03
Buchi neri, la "strana coppia": danzano nella galassia a 3,8mld anni luce da noi

Buchi neri, la “strana coppia”: danzano nella galassia a 3,8mld anni luce da noi (Credit Photo: Nasa/JPL)

ROMA – Una coppia di buchi neri è stata scoperta in una galassia che si trova a 3,8 miliardi di anni luce dalla Terra. Una “strana coppia” emersa dai dati di Wise e la cui esistenza è stata confermata dalle osservazioni dell’Australian Telescope Compact Array e del telescopio Gemini Sud in Cile.

Strana perché questi oggetti astronomici sono assai difficili da osservare e solo grazie all’andatura “a zig-zag” dei getti da loro emessi gli astronomi guidati da Chao-Wei Tsai, ricercatore del Jet Propulsion Laboratory della Nasa, sono riusciti ad individuarli.

Matteo Di Giulio per Media Inaf spiega:

“La stragrande maggioranza delle galassie ospita al centro un buco nero supermassiccio, con masse variabili che arrivano anche ad alcuni miliardi di volte quella del Sole. Quando due galassie si scontrano possono arrivare a fondersi fra loro, formando un nucleo ancora più imponente, composto da un sistema binario di buchi neri. Questi oggetti sono solitamente molto difficili da osservare, anche con i telescopi più potenti”.

Tsai e i suoi collaboratori hanno notato delle anomalie nei dati di Wise ed hanno approfondito le osservazioni, avvalendosi di grandi telescopi in Australia e in Cile:

“I buchi neri supermassicci al centro delle galassie in genere emettono enormi getti di plasma dalle geometrie piuttosto semplici lungo un asse. In questo caso però la struttura dei getti ha mostrato un’andatura a zig-zag che gli scienziati hanno interpretato proprio come un segno dell’esistenza di due buchi neri nel nucleo della galassia”.

L’astronomo della Nasa ha parlato di una vera e propria “danza con il nastro”:

“Pensiamo che il getto del primo buco nero venga modificato e fatto ondeggiare dalla presenza del secondo, come in una danza con il nastro. Se è così, è probabile che i due buchi neri siano piuttosto vicini e gravitazionalmente legati”.

Inevitabile per la strana coppia danzante di buchi neri fondersi, ma intanto volteggiano nella danza cosmica rimanendo distanti l’uno dall’altro appena pochi anni luce e fornendo a noi il tempo di studiare meglio questo remoto e raro spettacolo.