Caso Cucchi, la sorella di Stefano: “La Giustizia mi spieghi quelle fratture”

Pubblicato il 4 Ottobre 2010 20:54 | Ultimo aggiornamento: 4 Ottobre 2010 20:54

Stefano Cucchi

Alla vigilia dell’udienza preliminare in cui il gup deciderà se ammettere il Comune di Roma tra le parti civili del processo per il quale la procura ha chiesto tredici rinvii a giudizio per agenti e medici Ilaria Cucchi continua a chiedere cosa sia successo davvero a suo fratello Stefano.  ”La giustizia – spiega Ilaria -mi deve spiegare come possono due fratture gravi alla schiena essere considerate lesioni lievi. E anche per quale motivo mio fratello Stefano, che quando e’ stato arrestato stava benissimo, si sarebbe ammalato all’ospedale Sandro Pertini fino a morire”.

Nei giorni scorsi la famiglia del geometra romano di 31 anni aveva criticato l’impianto accusatorio secondo il quale le ragioni della morte del giovane sono da ricondurre a omissioni e negligenze di alcuni indagati. Secondo la famiglia Cucchi il decesso è stato causato delle percosse ricevute da Stefano: ”Dalle lastre – dice Ilaria – è ben visibile un frammento osseo che si distacca dalla vertebra L3 e penetra nel midollo”.