Grosseto. Lasciato dalla fidanzata, si uccide con un colpo di fucile al petto

Pubblicato il 10 Novembre 2010 19:34 | Ultimo aggiornamento: 10 Novembre 2010 19:57

Ha consegnato una lettera alla sua ex e poi, quando lei lo ha salutato ed è rientrata in ufficio, è tornato in auto, ha preso il fucile da caccia e si è sparato al petto. Inutile ogni soccorso: l’uomo è morto prima dell’arrivo del medico del 118. E’ quanto accaduto stamani in una frazione di un comune amiatino. La vittima è un imprenditore agricolo di 34 anni.

La storia d’amore della coppia, secondo alcuni amici, era finita circa un mese fa. Questa mattina l’uomo si è presentato davanti alla sede di lavoro della ragazza con la quale aveva avuto una relazione sentimentale per alcuni anni, sperando di riconquistarla. Lui l’ha chiamata e lei è uscita fuori per alcuni minuti, il tempo di parlare un po’ e di consegnarle una lunga lettera che la ragazza ha messo in borsa prima di rientrare in ufficio. Pochi secondi dopo ha sentito lo sparo e quando è uscita di nuovo nel piazzale ha visto l’uomo con il petto devastato dalla fucilata. I colleghi di lavoro di lei hanno chiamato il ”118” che ha inviato anche l’eliambulanza, ma quando il medico è arrivato non ha potuto far altro che constatare il decesso.