Fuori per protesta e poi? Troppe assenze a scuola, spunta l’incubo bocciatura

Pubblicato il 9 Dicembre 2010 10:44 | Ultimo aggiornamento: 9 Dicembre 2010 10:48

Fuori per protesta, occupazioni o assemblee: dopo la mobilitazione anti-Gelmini gli studenti dovranno fare i conti con le troppe assenze e l’incubo di una bocciatura.

Anche per professori e presidi il rebus non è semplice da risolvere. Secondo una norma entrata in vigore proprio quest’anno alle superiori dei 50 giorni di assenza disponibili, almeno quindici sono stati occupati da manifestazioni, occupazioni e altro.

“Per procedere alla valutazione finale di ciascuno studente – recita il decreto del giugno 2009 – è richiesta la frequenza dell’orario annuale personalizzato”.

Che fare allora? Ogni scuola per ora deciderà per conto suo. Come scrive Salvo Intravia su Repubblica a Palermo 13 presidi hanno fatto sapere che le assenze per le occupazioni verranno contate. E nel resto d’Italia resta il fai da te.