Tendenza Gianna Nannini: aumentano le mamme over 50

Pubblicato il 1 Dicembre 2010 16:31 | Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre 2010 16:48

Gianna Nannini, neo mamma a 54 anni

Nonostante la menopausa sono sempre di più le italiane che diventano mamme superata la soglia della mezza età: nel 2008 sono state ben 197. Non è un caso isolato quello di Gianna Nannini, diventata mamma per la prima volta a 54 anni, il 26 novembre scorso, di Penelope. Tuttavia l’arrivo della menopausa può non essere indolore, visto che il 10% circa soffre di disturbi che possono minare significativamente la qualità di vita.

A rilevarlo è un’indagine presentata oggi dalla Società italiana di medicina generale. Attualmente in Italia la fertilità si perde a 50 anni, ma il fumo di sigaretta può anticiparla di quasi 2 anni. “Le donne stanno sviluppando stili di vita sempre più simili a quelli maschili, con il consumo di sigarette, alcol e l’obesità – commenta Raffaella Michieli, segretario nazionale della Simg -. Bisogna cominciare a pensare fin da giovani alla salute del cuore, soprattutto perché viviamo per un terzo in età post-menopausale, quando il rischio aumenta per il venir meno dell’effetto protettivo degli estrogeni”.

Un sondaggio condotto a novembre tra 200 i medici di famiglia rivela inoltre che il 94% delle pazienti sintomatiche prova vampate di calore, il 49% sbalzi di umore, il 39% sudorazioni, il 35% aumento di peso. Nel 57% dei casi viene prescritta una terapia per i disturbi, e per il 67% delle donne è quella ormonale sostitutiva (tos). “Sopportano disagi anche pesanti per paura degli effetti collaterali – commenta il prof. Marco Gambacciani, dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana – Dobbiamo informare le donne sulla sicurezza di questa terapia iniziata prima dei 60 anni. Con le nuove formulazioni a base di drospirenone, nelle pazienti tra 50-59 anni trattate, c’e’ stata una riduzione del 30% della mortalita’ per malattie cardiovascolari”.

Ciononostante, come conferma il 77% dei medici, le donne sottostimano questo pericolo, che rappresenta la prima causa di morte nel sesso femminile dopo i 50 anni. La misura preventiva piu’ praticata e’ la misurazione periodica della pressione, prevista dal 97% del campione.