Impronte digitali clonate con una foto. Test Hacker su dito di ministra tedesca

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 Dicembre 2014 15:48 | Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre 2014 15:48
Impronte digitali clonate con una foto. Test Hacker su dito di ministra tedesca

Impronte digitali clonate con una foto. Test Hacker su dito di ministra tedesca

AMBURGO – Impronte digitali? Basta una foto per clonarle. A dimostrarlo è stato Jan Krissler, alias Starbug, un hacker tedesco appartenente al più noto gruppo di hacktivist europeo, il Chaos Computer Club, da svariato tempo impegnato a sfatare il mito della presunta superiorità della biometrica nel campo della sicurezza informatica. Vittima inconsapevole del test è stata Ursula von der Leyen, ministra della Difesa nonché astro nascente della Cdu e futura erede di Angela Merkel.

Krissler ha clonato l’impronta digitale di un dito della ministra, sfruttando una foto scattata durante un incontro pubblico, a diversi metri di distanza. Un gioco da ragazzi: l’immagine elaborata con un software liberamente disponibile in commercio, VeriFinger, è stata duplicata e, assicurano gli hacker, è perfettamente in grado di ingannare i sistemi di lettura biometrica.

La prova del 9, ovviamente, non c’è stata, per evitare guai legali. Ma Krissler per non lasciare spazio a dubbi ha testato l’esperimento su sé stesso:

“Ho replicato l’esperimento con il mio dito in circostanze simili, stessa fotocamera e stessa distanza. E  ha funzionato”.

Un comunicato del collettivo CCC, ha poi tenuto a precisare:

“Speriamo che questa dimostrazione distrugga l’illusione di sicurezza che le persone ripongono sulla biometria delle impronte digitali: è abbastanza stupido utilizzare come chiave di sicurezza qualcosa che non puoi cambiare e che dissemini ovunque ogni giorno”.