Duemila migranti a Lampedusa in 24 ore: oltre 5500 in tutto. L’isola adotta “l’Angelo” nato in mare

Pubblicato il 28 Marzo 2011 8:04 | Ultimo aggiornamento: 28 Marzo 2011 10:07

ROMA – Sono 1.933 i migranti arrivati nelle ultime 24 ore a Lampedusa. E’ il numero più alto di arrivi da quando sono ripresi gli sbarchi. Impressionante anche il dato degli ultimi tre giorni: da venerdì sull’isola sono arrivati 3.721 migranti. Sono 5.534 i migranti in questo momento presenti secondo quanto rilevato dall’ufficio della Regione siciliana sull’isola, coordinato da Gianmaria Sparma. Il numero tiene conto di arrivi e partenze per trasferimenti fuori dall’isola avvenuti nella notte, quando si è arrivati a un picco di 5.973 extracomunitari.

Un barcone con circa 300 persone a bordo, tra cui donne e bambini, è stato soccorso in mare. ”Lampedusa è in ginocchio, è distrutta” dice il Governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo che ha chiesto a Berlusconi un Consiglio dei ministri straordinario per affrontare l’emergenza. Mercoledì il Governatore si incontrerà a Roma con Berlusconi ed è probabile che proprio quel giorno ci sia il consiglio dei ministri a cui, quando si tratta di Sicilia, il Governatore ha la possibilità di partecipare direttamente.

La proposta di Lombardo è di portare i nuovi arrivati direttamente su navi civili e militari per essere identificati ed avviati al rimpatrio o alla concessione dello status di rifugiato per chi ne avra’ i titoli. ”Su Lampdeusa non possono stare che gli ottocento uomini che puo’ accogliere con le strutture che ci sono ora”, ha spiegato. ”Le tendopoli le facciano pure in Val Padana e non solo in Sicilia, visto che siamo un Paese unito”, ha detto Lombardo al premier durante un’accorata telefonata .

BIMBI NATI IN MARE Nel corso della notte scorsa è arrivato a Linosa, la più piccola delle isole Pelagie, il barcone con 282 migranti, tra cui 12 bambini e 80 donne, partito quattro giorni fa dalla Libia. Sulla “carretta”, viaggiava anche la donna etiope di 26 anni che ha partorito durante la traversata un bimbo chiamato Yeabsera (dono di Dio ndr). E’ morto invece il bimbo di un’altra donna, incinta di tre mesi, che era sempre sul barcone. Il piccolo Yeabsera, che le donne di Lampedusa hanno ribattezzato “Angelo”, è stato trasferito in elicottero sabato sera insieme alla mamma e al papà, un giovane eritreo, nell’ospedale “Cervello” di Palermo.

NAPOLITANO Di fronte alle nuove ondate di immigrati, In Italia “ci sono ogni tanto delle posizioni, delle reazioni un po’ sbrigative a livello di opinione pubblica” alle quali non bisogna indulgere. Piuttosto bisogna ricordare il nostro passato di Paese numero uno in Europa per numero di emigranti e “governare” la nuova situazione che si è creata, anche se “non è semplice”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, rispondendo a una domanda a margine della inaugurazione dello spazio espositivo “Industria Gallery” a New York.