Montelupo Fiorentino: rapito e rilasciato subito. Giallo su sequestro lampo di bimbo di 11 anni

Pubblicato il 14 Aprile 2011 0:00 | Ultimo aggiornamento: 13 Aprile 2011 23:33

MONTELUPO FIORENTINO (FIRENZE) – Ha raccontato di essere stato rapito e di essere stato rilasciato subito da tre sconosciuti in auto che lo avevano avvicinato mentre, percorrendo a piedi una strada di campagna, si stava recando all’abitazione della nonna.

Dal pomeriggio di mercoledì 13 aprile, su questo racconto di un bambino di 11 anni, presunta vittima di un tentativo di rapimento, sono in corso accertamenti serrati dei carabinieri della compagnia di Signa (Firenze). L’episodio risale alle 16 e si sarebbe verificato in località  Pulica, una zona collinare di aperta campagna nel territorio di Montelupo Fiorentino.

Stando a quanto riferito dall’undicenne, tre uomini a volto scoperto e a bordo di un’ auto, che potrebbe essere un’utilitaria, lo hanno affiancato mentre camminava e poi spinto a forza nella vettura. Secondo il bimbo i tre parlavano straniero: quando dopo circa un chilometro di tragitto, in località Turbone, l’auto dei sequestratori ha incrociato per caso un’autopattuglia dei carabinieri in normale servizio di controllo, ci sarebbe stato un cambio di programma rispetto alle intenzioni – ancora non chiare – del terzetto.

I rapitori, infatti, si sarebbero allarmati e avrebbero fatto scendere l’undicenne dall’auto. Poi sarebbero fuggiti. Una volta liberato, il bambino ha rinunciato ad andare dalla nonna; anzi, di corsa è tornato a casa dai genitori raccontando il fatto alla mamma che ha avvisato i carabinieri. Gli stessi genitori, due impiegati, hanno portato il bambino all’ospedale ma non gli sono state riscontrate né ferite né lesioni, a parte lo choc psicologico.

Oscure, al momento, le ragioni dell’eventuale tentativo di rapimento: gli accertamenti dei carabinieri stanno cercando di appurarle, mentre in una vasta area tra l’Empolese e Firenze continuano le ricerche della vettura e dei tre rapitori in base alle descrizioni che il bambino è stato in grado di fare.