Napoli: disoccupati incatenati a bombole di gas davanti alla sede del Comune

Pubblicato il 9 Novembre 2010 - 09:39 OLTRE 6 MESI FA

Alcuni disoccupati del progetto Bros sono arrivati davanti al Comune di Napoli, in piazza Municipio e si sono incatenati a bombole di gas minacciando di farsi saltare in aria se non ottengono un incontro con il sindaco di Napoli Iervolino e il presidente della Regione Campania Caldoro. I disoccupati chiedono una soluzione definitiva alla loro condizione di precarietà.

I disoccupati, dopo aver costretto i vigili urbani a chiudere il portone principale del Comune lasciando accessibile solo l’ingresso pedonale, si sono poi spostati al centro della strada intimando agli agenti di polizia al presidio del palazzo comunale di tenersi lontani, con gli accendini accesi, altrimenti avrebbero aperto le bombole.

Nei giorni scorsi episodi simili, presumibilmente a opera dei disoccupati iscritti alla stessa lista, si sono verificati sempre a Napoli, con lancio di rifiuti e letame negli ingressi e negli uffici delle sedi della Giunta e del Consiglio Regionale della Campania.

[gmap]