Padova. C’è un donatore di midollo per Paola: fissato il trapianto

Pubblicato il 29 Settembre 2010 12:59 | Ultimo aggiornamento: 29 Settembre 2010 13:02

C’è una speranza per Paola, ammalata di leucemia: un donatore di midollo. Alla donna, che vive da qualche anno a Auckland (Nuova Zelanda), la sorella Luisa non vuole donare il suo midollo per il trapianto.

«Il trapianto è stato fissato il 28 ottobre, entrerò in ospedale il 21 qui a Auckland per sottopormi a tutta la trafila di esami», annuncia la donna. «Mi sono trovata davanti a un muro. E non mi ha voluto dare spiegazioni », dice ancora parlando della sorella che è stata anche infelice protagonista di una scritta choc sui muri di Salboro, frazione di Padova: «Luisa F. ucciderà sua sorella se non dona il midollo».

Fra i tanti appelli alla sorella anche quello di Diego Colombo dell’Associazione donatori midollo osseo: «Anche se non condivido, non mi permetto di giudicare la scelta della sorella. Quando mi presento nelle scuole dico sempre “non sono qui per farvi iscrivere, ma per farvi pensare”. La compatibilità donatore-paziente è 1 a 100.000, potrebbre essere proprio lei l’unica possibilità di vita per la sorella, invito tutti ad informarsi su www.admo.it».