Pignatone: “La ‘ndrangheta: un esercito di diecimila soldati”

Pubblicato il 7 Ottobre 2010 15:41 | Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre 2010 16:00

Giuseppe Pignatone, procuratore capo di Reggio Calabria

Giuseppe Pignatone, il magistrato che coordina in Calabria le indagini contro la ‘ndrangheta e che dalla ‘ndrangheta è stato più volte “avvisato”, stima che l’esercito della criminalità organizzata, cioè i soldati, sottufficiali e ufficiali di ‘ndrangheta siano diecimila in città e dintorni. Diecimila su seicentomila abitanti di Reggio.

Tolti i troppo vecchi o troppo bambini, i malati non in grado di muoversi e agire e quelli che militano nell’altro esercito, quello dello Stato, diciamo diecimila su quattrocentomila: il 2,5 per cento della popolazione. La Repubblica italiana, circa sessanta milioni di abitanti, dispone di un esercito di circa duecentomila uomini.

Fatte le proporzioni ed effettuata la medesima tara, duecentomila su quaranta milioni: cioè lo 0,5 per cento. Per la ‘ndrangheta un servizio di leva di massa.