Reggio Emilia, mazzette per segnalare defunti alle pompe funebri: 10 condanne

Pubblicato il 14 Marzo 2011 23:25 | Ultimo aggiornamento: 14 Marzo 2011 23:26

REGGIO EMILIA – Tre becchini dell’obitorio dell’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia e sette titolari di agenzie funebri sono stati condannati in tribunale per associazione a delinquere, in rito abbreviato.

Un ottavo imprenditore è stato assolto dal giudice Antonella Pini Bentivoglio, per non aver commesso il fatto: è il titolare della ditta che ha denunciato le ‘mazzette’. Per tutti l’accusa era di associazione a delinquere, ma ai tre necrofori e a sei impresari e’ stata contestata anche la corruzione.

I necrofori avrebbero ricevuto una cifra non inferiore ai cento euro per ogni salma segnalata alle imprese di pompe funebri coinvolte. I condannati dovranno risarcire l’ospedale, con 50.000 euro complessivi.

[gmap]