Ricerca via Apple: su iPad e iPhone le applicazioni per lo studio della parola

Pubblicato il 10 Febbraio 2011 19:35 | Ultimo aggiornamento: 10 Febbraio 2011 20:56

ROMA- La ricerca ora si fa via iPhone e iPad. La Royal Holloway dell’University di Londra, insieme a un team internazionale di ricercatori, ha sviluppato infatti un’applicazione, scaricabile gratuitamente in inglese, francese e olandese, chiamata ”Science XL: metti alla prova il tuo potere della parola”, per svolgere uno studio di ricerca psico-sociale, al fine di comprendere meglio come il cervello riconosce le parole e relativi disturbi.

L”App’ in sostanza adatta un classico esperimento di psicologia all’utilizzo per iPhone e iPad. L’utente può testare infatti la sua capacità di parola decidendo se ogni vocabolo è reale o meno. In questo modo l’applicazione misura il tempo impiegato per prendere la decisione, ovvero i tempi di reazione.

I risultati aiuteranno i ricercatori a migliorare la loro comprensione di come il cervello riconosce le parole e capire anche alcuni disturbi come la dislessia. L’obiettivo e’ di ottenere dati da 50mila persone per ognuna delle tre lingue che si studieranno. ”Usare l’iPhone e l’iPad – spiegano i ricercatori – per condurre una ricerca scientifica è un concetto nuovo e rivoluzionario. Potrebbe cambiare il modo in cui è condotta, perché ci consente di raggiungere un vasto numero di individui in modo relativamente economico”.