Sarah Scazzi uccisa ad Avetrana, la Lega vuole il carcere duro per gli omicidi efferati

Pubblicato il 7 Ottobre 2010 16:06 | Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre 2010 17:28

La Lega Nord presenterà una proposta di legge per estendere il carcere duro, in pratica quello che l’art. 41 bis riserva ai mafiosi, agli autori di omicidi efferati come nel caso di Sara Scazzi: lo ha detto il presidente dei senatori leghisti Federico Bricolo.

“E’ doloroso e inaccettabile – ha spiegato Bricolo in una nota – quello che è accaduto alla giovanissima Sara. Umanamente grida vendetta. Noi oggi vogliamo esprimere la massima vicinanza a tutti quelli che le hanno voluto bene. Ma la politica deve reagire. Al Senato la Lega Nord presenterà una proposta di legge che prevede il carcere duro, finora riservato ai mafiosi, anche a chi commette omicidi così efferati”. “Intendiamo estendere il regime carcerario del 41bis a chi si macchia di reati di questo tipo – ha aggiunto l’esponente del Carroccio – affinché sconti in carcere tutta la pena fino all’ultimo giorno. E’ intollerabile, come già accaduto in passato, vedere queste persone dopo pochi anni uscire dal carcere e riprendere una vita normale come se nulla fosse accaduto. Queste cose non devono più accadere ed è giusto che il Parlamento faccia la sua parte”.