Sarah Scazzi, Michele Misseri: “Lasciai il cadavere sotto il fico perché lo trovassero”

Pubblicato il 26 Novembre 2010 20:34 | Ultimo aggiornamento: 26 Novembre 2010 20:47

Michele Misseri aveva trasportato il corpo senza vita di Sarah Scazzi in un terreno ereditato dal padre e si era fermato sotto un albero di fico non per abusare sessualmente del cadavere, ma per far ritrovare il corpo della nipotina.

”Il suo primo pensiero è stato quello di abbandonare il cadavere?”, ha chiesto il pm Mariano Buccoliero durante l’incidente probatorio. ”Di abbandonarla sotto l’albero di fico”, è stata la risposta.

Ancora il pm: ”Quindi la voleva far ritrovare praticamente…”. ”La volevo far ritrovare”, ha replicat Michele Misseri, come si apprende dalla trascrizione dei verbali dell’incidente probatorio, un faldone di 380 pagine.

”La volevo lasciare lì – ha aggiunto zio Michele – ma poi ci ho ripensato, ho detto; qua viene mio fratello a raccogliere il fico o viene qualcun altro. Sospettano subito che siamo stati noi. L’ho messa di nuovo in macchina e poi mi sono ricordato del pozzo”.