Sarah Scazzi: ad Avetrana domenica dedicata al turismo “dell’orrore”

Pubblicato il 17 Ottobre 2010 12:26 | Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre 2010 12:42

Sarah Scazzi

Sono numerose le persone che stamani hanno deciso di dedicare la loro domenica andando a visitare ad Avetrana i ‘luoghi dell’orrore’. La gente sfila sia davanti alla abitazione della famiglia Scazzi, dove vengono pietosamente lasciati fiori o biglietti, sia davanti alla casa della famiglia Misseri dove le persone si limitano a soffermarsi un attimo per guardare verso il garage dove e’ stato commesso il delitto e verso la casa.

Sono parecchie anche le persone che, con l’auto o a bordo di motorini, vanno a vedere il pozzo dove – dopo la confessione dello zio della quindicenne, Michele Misseri – e’ stato trovato il corpo di Sara. Il via-vai – anche se in un modo piu’ ‘sommesso’ – era cominciato gia’ dal pomeriggio di ieri, soprattutto davanti a casa della famiglia Misseri.

In tanti hanno sostato ieri brevemente davanti ai cancelli della casa, parlando con i giornalisti che affollano la strada, via Grazia Deledda, ed esprimendo per lo piu’ incredulita’ in riferimento al possibile coinvolgimento della cugina di Sara, Sabrina, figlia di Michele Misseri.