Yara, c’è il dna dell’assassino

Pubblicato il 15 Giugno 2011 15:25 | Ultimo aggiornamento: 15 Giugno 2011 18:34

ROMA – E’ stato individuato il dna dell’assassino di Yara Gambirasio, la ragazzina di 13 anni scomparsa il 26 novembre scorso a Brembate di Sopra, in provincia di Bergamo, e trovata morta tre mesi dopo.

A quanto si apprende, sul corpo di Yara sono stati trovati quattro diversi profili genetici ma soltanto uno – rilevato su un indumento – viene considerato dagli investigatori ”altamente indiziario”. Si tratta di una traccia di dna maschile ed e’ considerata significativa in quanto, sottolineano fonti qualificate, non suscettibile di contaminazione casuale, a differenza degli altri tre.

Oltre a quello dell’assassino, sul corpo e sugli indumenti di Yara ci sono altri tre profili di Dna: due, uno maschile e uno femminile, sono sul guanto della tredicenne e uno e’ invece sul giubbotto della vittima. In questo caso si tratta di una traccia di dna misto ed appartiene a Yara e ad una delle istruttrici di ginnastica ritmica, completamente estranea all’omicidio.

Al momento gli investigatori hanno effettuato oltre 2.500 profili di dna ma tutti hanno dato esito negativo.

[stream provider=video flv=x:/www.blitzquotidiano.it/wp/wp/wp-content/uploads/2011/06/flv_110615-162029_20110615_CRO_AT_44.flv embed=false share=false width=480 height=360 dock=true controlbar=over bandwidth=high autostart=false /]