Addio Guillet, aristocratico dal valore eccezionale

Pubblicato il 22 Giugno 2010 6:00 | Ultimo aggiornamento: 22 Giugno 2010 6:00

da: Il Sole 24 Ore

Dotato di una memoria ferrea, recitava a memoria interi canti dell\’Orlando Furioso. Era stato un ottimo pianista sino a tanto che una ferita alla mano limitò questo suo dono. Si scherniva delle sua capacità di pittore ma era un buon acquarellista. Non era né un asceta né un santo combattente.

Leggi l’articolo originale