Cina. Per dimagrire e trovare lavoro le donne ingoiano il verme solitario

Pubblicato il 1 Gennaio 2011 13:06 | Ultimo aggiornamento: 1 Gennaio 2011 13:06

Il verme solitario

Ci sono molti modi per dimagrire, ma quello che fanno le studentesse di Xiamen, nella Cina meridionale, dove il tasso di disoccupazione è molto alto, è decisamente sbalorditivo, e pericoloso.

Le giovani ingoiano uova del verme solitario, che una volta sviluppato può raggiungere un metro di lunghezza, e che annidato e attorcigliato nello stomaco consuma tutto quanto viene ingerito e contribuisce così alla perdita di peso.

Le studentesse sanno che più sono magre, più facile è  trovare un lavoro, e il parassita le aiuta a dimagrire senza bisogno di diete o attività sportive, a quanto riferisce il Daily Mail.

Ma ingoiare i vermi è estremamente pericoloso perchè i parassiti possono provocare gravi malattie, e decisamente non sono consigliabili per chi vuole smaltire i chili di troppo nel nuovo anno.

Il problema è che gli studenti cinesi trovano grandi difficoltà a reperire un lavoro dato che nel Paese più popoloso del mondo la disoccupazione è un grave problema: su 1,3 miliardi di abitanti solo 780 milioni hanno un lavoro.

”La Cina si trova a che fare con una disoccupazione che è attualmente alta e che lo sarà ancora per lungo tempo”, ha dichiarato al Daily Mail Yi Chengji, portavoce del ministero per le Risorse Umane e la Previdenza Sociale.

Per dimagrire le studentesse le pensano tutte. Secondo quanto si è appreso, molte usano un ”sapone speciale” per aiutarle a fare la dieta, e fanno con esso fino a 10 docce al giorno. Questo tipo di ”trattamento” non ha alcuna base scientifica ed è anch’esso pericoloso per la salute.

Negli anni novanta le studentesse bevevano tè ”speciali” e ingoiavano pillole per dimagrire, ricorrendo anche all’agopuntura. Ora hanno scoperto che mettersi nella pancia il verme solitario è un sistema molto più rapido per smaltire i chili eccedenti, il che può aiutarle a trovare più facilmente un lavoro ma che può anche mettere seriamente a repentaglio la loro salute.