Giochi, normativa: accordo necessario per finire lo scontro fra Governo e Regioni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 settembre 2014 13:25 | Ultimo aggiornamento: 30 settembre 2014 13:34
Italo Volpe

Italo Volpe

ROMA – Lo scontro tra Governo e regioni in materia di normativa sui giochi, il contrasto alla rete dei ctd, le nuove opportunità di gioco. Sono questi i punti principali affrontati con Agimeg da Italo Volpe, direttore Normativa e Affari Legali dell’Adm, e da Emilio Petrone, a.d, Sisal, a margine della presentazione del Bilancio Sociale 2013 che si è tenuta nei giorni scorsi a Roma.

“La normativa sui giochi sta decidendo lo scontro tra Governo e regioni. E necessario – ha dichiarato Volpe – un accordo tra le parti anche per dare certezze sia al giocatore sia al gestore. Da parte nostra al momento abbiamo le mani legate, ma se ci sarà consentito ci rendiamo disponibili ad un confronto con le regioni”.

“Per quanto riguarda invece il contrasto ai ctd, apprezziamo la . volontà del Governo di volerei tutelare e stiamo prendendo accordi con l’avvocatura generale affinché venga rispettato il lavoro dei nostri funzionari”.

“Sisal è impegnata al rafforzamento del SuperEnalotto – ha dichiarato invece l’a.d. di Sisal, Petrone – studiando una nuova modalità che è in fase di test e che sta per essere lanciata sul mercato. Intanto siamo soddisfatti per i primi risultati del VinciCasa”.

“Oltre alle strategie aziendali però ci aspettiamo che. notizie positive arrivino anche per quanto riguarda il contrasto ai migliaia di ctd, che per. noi rappresentano la concorrenza che opera con regole di mercato molto più vantaggiose. Europa e Italia si devono confrontare per consegnarci maggiori certezze. Allo stesso tempo abbiamo bisogno di capire come si evolverà la regolamentazione del settore slot dopo gli scontri normativi tra Stato e Regioni. La nostra azienda ha necessità di Investire economicamente e di assumere personale, ma per farlo in modo programmato e responsabile, le regole devono essere ben chiare”.