InspirinGirls, torna alle medie il progetto contro gli stereotipi di genere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 marzo 2018 14:32 | Ultimo aggiornamento: 20 marzo 2018 14:33
 InspirinGirls eni

InspirinGirls, torna alle medie il progetto contro gli stereotipi di genere

ROMA – Stereotipi e pregiudizi di genere sono ancora molto presenti nella nostra società.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Dalla ricerca Ipsos “Cosa farò da grande?”, promossa da Valore D tra ragazzi e ragazze delle scuole medie, emerge infatti una visione del futuro ancora fortemente influenzata dagli stereotipi di genere.

Mentre i ragazzi si immaginano ingegneri, medici o informatici, le loro compagne aspirano ad essere insegnanti, veterinarie o avvocato. Un’idea influenzata prevalentemente dalla famiglia, con la mamma come principale role model per le figlie (47%) e il papà per i maschi (44%).

I genitori esprimono ancora una concezione tradizionale dei ruoli, pur riconoscendo le doti delle proprie figlie: da un lato infatti un genitore su due ritiene che sia più facile per un maschio fare carriera e che tocchi alle figlie occuparsi della famiglia (quasi 80%), dall’altro lo stesso campione (40%) riconosce che le ragazze hanno più facilità nello studio, che sono più sicure di sé e più ambiziose.

Per la maggioranza dei genitori poi (uno su due) la bravura nelle materie scientifiche è appannaggio dei maschi (in particolare l’informatica), mentre le femmine sono più brave in italiano, storia, geografia e lingue straniere.

La permanenza di stereotipi di genere si ritrova anche nella percezione dei ragazzi e delle ragazze verso se stessi: 4 ragazze su 5 pensano che saranno loro a occuparsi maggiormente della famiglia e in questo anche i ragazzi sono sostanzialmente d’accordo (poco più di 3 su 5).

Proporre modelli e messaggi che vadano al di là degli stereotipi evidenziati dalla ricerca rappresenta proprio l’obiettivo del progetto InspirinGirls: portare la testimonianza di donne che svolgono mestieri e ruoli tradizionalmente maschili agli studenti delle scuole medie, in particolare nelle classi seconde e terze. Perché è a quest’età che ragazzi e ragazze decidono il loro futuro percorso di studi – che influenzerà poi la loro vita professionale – ed è a quest’età che si creano preferenze di genere verso alcune materie, solo il 31% delle ragazze tra gli 11 e i 14 anni infatti giudica la matematica una materia divertente e piacevole, contro il 50% delle ragazze tra i 7 e 10 anni.

InspirinGirls è un progetto internazionale fondato da Miriam Gonzalez e ad oggi attivo in 6 Paesi (Spagna, Serbia, Italia, Cile, Brasile e Messico). Promosso in Italia da Valore D(2) in partnership con ENI e Intesa Sanpaolo e con il patrocinio del MIUR, si sta espandendo su tutto il territorio nazionale: ad oggi hanno aderito al progetto oltre 400 role model e 100 scuole da Milano a Caltanissetta, da Succivo (CE) a Mestre. Le role model, che aderiscono al progetto a titolo volontario e gratuito, sono manager, ingegnere, professioniste, sportive, imprenditrici e portano nelle scuole l’esempio delle proprie esperienze e il racconto delle loro carriere professionali, del coraggio e della passione che hanno guidato le loro scelte.

“L’obiettivo è testimoniare che non ci sono professioni per donne e per uomini e che ciascuno – indipendentemente dal genere – può realizzare le proprie aspirazioni con impegno e determinazione” ha dichiarato Barbara Falcomer, Direttore Generale di Valore D. “In questo primo anno di attività il progetto è stato accolto con grande favore dalle scuole e dai ragazzi. Questo ci sprona a proseguire nella prossima fase del programma con ancora più impegno per liberare da stereotipi e pregiudizi l’idea di futuro delle giovani generazioni”.

Due nuovi strumenti supporteranno la diffusione del progetto: una campagna video in onda sul Canale 31 di Real Time da oggi per un mese presenterà InspirinGirls al grande pubblico attraverso il racconto di sei donne che hanno scelto professioni tradizionalmente “da uomini” e il sito www.inspiring-girls.it permetterà l’adesione al progetto online e la connessione tra scuole e role model su base territoriale.

A supporto di InspirinGirls – che ha ottenuto il patrocinio del MIUR – ci sono aziende che fin dall’inizio hanno creduto nel progetto: i due partner Eni e Intesa Sanpaolo, insieme con Real Time, Corriere della Sera, J.W. Thompson e Hill+Knowlton Strategies.

Grazia Fimiani, Direttore Risorse Umane di Eni, ha commentato così l’iniziativa: “Siamo molto orgogliosi di essere partner di Valore D nell’iniziativa Inspiring Girls Italia; questo progetto testimonia e rafforza ulteriormente l’impegno della nostra azienda nell’ambito dell’orientamento scolastico e della collaborazione con il mondo dell’education finalizzato a creare sinergie di valore tra mondo aziendale e mercato del lavoro. In questo primo anno di collaborazione ci siamo concretamente impegnati nella realizzazione di incontri tra le nostre role model e le ragazze e i ragazzi delle scuole medie presenti sui territori ove opera Eni in tutto il territorio italiano. Abbiamo potuto farlo contando sulla generosa disponibilità delle nostre colleghe, circa 100 professioniste e manager individuate all’interno dei diversi ambiti di attività, e sulle nostre attive relazioni con il mondo scolastico. L’esempio delle colleghe che lavorano nella nostra organizzazione costituisce la migliore testimonianza della valorizzazione della competenza e dell’eccellenza professionale al di là di qualsiasi stereotipo e pregiudizio e pone l’impegno della nostra azienda a servizio della cultura del lavoro e dello sviluppo sociale del nostro Paese”.

La ricerca Ipsos “Cosa farò da grande?”

I maschi indicano al primo posto ingegnere, al secondo posto medico, al terzo posto informatico. Mentre le ragazze al primo posto insegnante, al secondo posto veterinaria, al terzo posto avvocato. Quindi le prime 3 professioni prescelte dai ragazzi sono professioni tecnologico-scientifiche, le prime 3 per le ragazze sono professioni umanistiche e di cura.

Tra le sei professioni più ambite ci sono chiare preferenze di genere: i servizi di protezione e di sicurezza (militare/ poliziotto) per i ragazzi, di cura estetica e della persona per le ragazze (estetista/parrucchiera). C’è una sola professione trasversale tra i generi, quella del cuoco/pasticcere che forse è influenzata dalla popolarità di programmi sul tema.

Per le ragazze, i modelli di riferimento sono prima di tutto i genitori e la famiglia e poi gli insegnanti (19% contro il 5% per i maschi), mentre i ragazzi guardano con attenzione ai personaggi dello sport. Un ragazzo su cinque si ispira anche ad alcuni imprenditori (18%) mentre per le ragazze hanno un’attrattiva molto bassa sia il cammino imprenditoriale (3%) che quello scientifico (4% vs 8% dei ragazzi), nonostante 1 ragazza su 3 si ritenga più brava dei ragazzi nelle materie scientifiche. Invece le materie nelle quali i ragazzi vedono più brave le proprie compagne sono italiano, storia, geografia e lingue. In informatica i ragazzi si sentono più bravi per il 57% e le ragazze solo per il 12%.

Le ragazze riconoscono che i maschi hanno più possibilità di fare carriera (56% vs 8%) mentre quasi l’80% delle ragazze pensa ancora che saranno loro ad occuparsi della famiglia.

Il 54% dei genitori ritengono che i maschi abbiano più possibilità di fare carriera e il 73% ritengono che le femmine si occupino di più della famiglia, anche se attribuiscono alle femmine più facilità nello studio rispetto ai maschi (38% vs 9%), più ambizione (36% vs 18%) e più sicurezza di sé (31% vs 22%). I pregiudizi dei genitori rispetto alle capacità delle ragazze nelle materie scientifiche sono ancora molto forti: solo il 15% dei genitori pensa che le ragazze siano “più brave” dei compagni nelle materie scientifiche mentre il 30% delle ragazze stesse si considera più brava.

Una nota positiva è che ragazzi e ragazze sono più fiduciosi nella possibilità di avere successo a prescindere dal genere (67%) di quanto non lo siano i loro genitori (62%).

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other