Internet: l’80% dei bambini sotto i due anni presenti sul web

Pubblicato il 8 Ottobre 2010 19:23 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2010 19:23

L’82% dei bambini sotto i due anni dei principali Paesi occidentali è presente su Internet, e il 23% ha una ‘storia digitale’ ancora prima di nascere, perché i futuri genitori utilizzano la rete per pubblicare ecografie e foto delle gravidanze e per condividere le esperienze pre-parto.

E’ quanto emerge da un’indagine della società di sicurezza informatica Avg condotta sui piu’ di duemila mamme in diversi Paesi, tra i quali Stati Uniti, Italia, Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Giappone, e che mette in guardia sui problemi legati alla privacy.

La ricerca evidenzia che ben 8 bambini su 10 di età inferiore ai 2 anni, pari all’82% – percentuale che sale al 92% nel Nord America – sono presenti online con foto e video che li ritraggono, mentre alcuni hanno persino un vero e proprio profilo sui social network (il 5%) o un proprio indirizzo e-mail (il 7%).

Tra i motivi principali che spingono mamme e padri – ma anche amici e parenti, non sempre autorizzati – a pubblicare le foto dei propri figli ci sono la volontà di condividerle con parenti e amici (70%), quella di aumentare i contenuti del proprio profilo sul social network (22%), mentre il 18% le mette online per puro spirito di emulazione.

La società di sicurezza informatica mette in guardia i genitori proprio su questo aspetto. ”E’ del tutto comprensibile voler condividere le foto del proprio figlio con amici e familiari – sottolinea JR Smith, amministratore delegato di Avg- ma bisogna riflettere sul fatto che, innanzitutto, si sta creando la ‘storia digitale’ di una persona e che, se non si presta la dovuta attenzione alle impostazioni sulla privacy, queste informazioni personali potrebbero essere condivise con tutti e non soltanto con una ristretta cerchia di persone fidate”.