Direttore ADM, Marcello Minenna: “Durante il lockdown, il gioco legale è stato chiuso e purtroppo il gioco illegale è rimasto aperto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Settembre 2020 12:23 | Ultimo aggiornamento: 29 Settembre 2020 12:23
marcello minenna

Marcello Minenna Fonte: L’Eurispes

“Dal lavoro dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli svolto durante l’emergenza Covid alla continua sinergia con le Forze dell’ordine con l’unico obiettivo di garantire la salute pubblica, dalla protezione del Made in Italy all’utilizzo di tecnologie sempre più avanzate fino al contrasto al gioco illegale”.

Il ruolo dell’ADM raccontato dal Direttore Generale, Marcello Minenna, nell’intervista per l’Eurispes.

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli è il garante della legalità e della sicurezza in materia di giochi in un contesto regolamentato, tecnologicamente avanzato e costantemente monitorato.

Alla domanda del giornalista de l’Eurispes “Con una certa superficialità, qualche volta, si parla di “Stato biscazziere”, un’affermazione molto grave. Lo Stato tutela però il gioco lecito, la possibilità per tutti di giocare 1 euro al SuperEnalotto, ma di non cadere nelle ludopatie. Il lockdown è stato un momento difficile per il gioco legale”

Ecco come ha risposto sul tema Marcello Minenna:

“Sicuramente, perché il gioco legale è stato chiuso e purtroppo il gioco illegale è rimasto aperto. Tanto è vero che in pieno lockdown abbiamo fatto una grossa operazione sul territorio, insieme alla Guardia di Finanza, per andare a fare un’attività di enforcement su quelle sale dove si svolgeva il gioco illegale anche con la stampa di scontrini che riproducevano il logo dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.”

Fonte: L’Eurispes, il primo magazine di un istituto di ricerca