Matrimoni con rito civile superano quelli in chiesa. 2018: ci si sposa di più, ma più tardi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Novembre 2019 9:56 | Ultimo aggiornamento: 21 Novembre 2019 10:37
Matrimoni con rito civile superano quelli in chiesa. Ci si sposa di più, ma più tardi

Matrimoni civili superano quelli in chiesa (foto Ansa)

ROMA – Sorpasso storico nella celebrazione dei matrimoni in Italia: nel 2018 quelli con rito civile hanno superato quelli in chiesa. Un dato, il 50,1% delle nozze celebrate davanti al sindaco, di rilevanza epocale in un paese dalla grande tradizione cattolica. La statistica generale rilevata dall’Istat deve però tener conto di sostanziali differenze geografiche. Al Nord infatti la quota dei riti civili è del  63,9%, al Sud meno della metà (30,4%).

2018, più matrimoni ma più tardi

Nel 2018 sono stati celebrati in Italia 195.778 matrimoni, circa 4.500 in più rispetto all’anno precedente (+2,3%), ma prosegue la tendenza a sposarsi sempre più tardi. Attualmente gli sposi alle prime nozze hanno in media 33,7 anni e le spose 31,5 (rispettivamente 1,6 e 2,1 anni in più rispetto al 2008).

In dieci anni (dal 2008 al 2018) la fascia di popolazione tra i 16 e i 34 anni è calata di 12 milioni e questo ha avuto una ripercussione proprio sulle prime nozze dei giovani di quella fascia d’età, calate di circa 10 punti percentuali rispetto a dieci anni fa. La seconda è invece la “prolungata permanenza dei giovani in famiglia”.

Le seconde nozze, o successive, dopo una fase di crescita rilevata negli ultimi anni, dovuta anche all’introduzione del “divorzio breve”, rimangono stabili rispetto all’anno precedente (incidenza sul totale dei matrimoni raggiunge il 19,9%). 

Nel 17,3% dei casi almeno uno sposo è straniero

Nel 17,3% delle nozze celebrate in Italia lo scorso anno almeno uno sposo è straniero. Sono state 2.808, invece, le unioni di coppie dello stesso sesso. Si conferma la prevalenza di coppie di uomini (64,2%) e del Nord-ovest come ripartizione di costituzione delle unioni (37,2%). (fonte Ansa)