Pasqua sotto la pioggia e pochi soldi: niente viaggi, ma sì all’agnello

Pubblicato il 8 Aprile 2012 9:00 | Ultimo aggiornamento: 8 Aprile 2012 9:09

ROMA – La crisi economica che ha prosciugato le finanze familiari e le poco invoglianti previsioni meteo, hanno spinto tanti italiani a rimanere a casa durante le festività pasquali. Quest’anno un milione di persone in più rispetto al 2011 ha deciso di non partire. E uno su due di coloro che non si sono messi in viaggio, secondo un’indagine commissionata da Federalberghi, dichiara di aver fatto questa scelta per motivi economici.

Per gli albergatori, la perdita di oltre il 10% di persone che passeranno Pasqua fuori casa significa un decremento del 4% del giro d’affari e costituisce un campanello d’allarme. Per chi resta in Italia, nonostante il tempo incerto, il mare è la scelta privilegiata. Ma molto gettonate sono pure le città d’arte.

A Venezia rispetto allo scorso anno si registra una flessione nelle prenotazioni, ma nelle ultime ore – osserva Claudio Scarpa, direttore dell’Associazione veneziana albergatori (Ava) – sono aumentati gli arrivi di ospiti stranieri. Chi ha scelto Capri per festeggiare la Pasqua probabilmente è rimasto deluso. A Napoli e in Campania temporali, venti e brutte condizioni del mare con possibili difficoltà nei collegamenti nel golfo.

In tanti si accontenteranno dunque di soddisfare almeno il palato. Otto italiani su dieci, secondo la Coldiretti, pranzano a casa, propria o di parenti e amici. Cala la spesa al ristorante, scelto da 4 milioni di persone con un costo medio a testa di 40 euro e un totale di 172 milioni di euro, mentre aumentano del 3 per cento le presenze nei più economici agriturismi dove, secondo Terranostra-Coldiretti, si stimano duecentomila presenze per le festività.

Il più gettonato nei menu di Pasqua è l’agnello, presente in una tavola su tre, accompagnato dalle uova consumate in ricette tradizionali o in prodotti artigianali e industriali. Con la crisi – sottolinea la Coldiretti – in quattro famiglie su dieci si è riscoperto il piacere della preparazione casalinga dei dolci tipici della tradizione di Pasqua, con un crollo del 10 per cento negli acquisti dei prodotti industriali come colombe e uova di cioccolato.

E per tutelare la tavola degli italiani il Comando Carabinieri per la tutela della Salute ha avviato un’operazione ah hoc: oltre 2.800 tonnellate di prodotti alimentari pericolosi per la salute sequestrati e 47 strutture alimentari chiuse.