Pesce d’aprile, come nasce la giornata degli scherzi e perché si celebra proprio l’1 aprile

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 Marzo 2021 9:32 | Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2021 9:32
Pesce d'aprile, come nasce la giornata degli scherzi e perché si celebra proprio l'1 aprile

Pesce d’aprile, come nasce la giornata degli scherzi e perché si celebra proprio l’1 aprile FOTO ANSA

Il primo di aprile è la giornata del pesce d’aprile, ovvero la giornata degli scherzi: ma perché il primo aprile si fanno gli scherzi e soprattutto perché proprio l’1 aprile? Il pesce d’aprile indica una tradizione, seguita in diversi paesi del mondo, che consiste nella realizzazione di scherzi da mettere in atto.

Gli scherzi possono essere di varia natura, anche molto sofisticati e hanno sostanzialmente lo scopo bonario di burlarsi delle vittime. La tradizione ha caratteristiche simili a quelle di alcune festività quali l’Hilaria dell’antica Roma, celebrata il 25 marzo, e l’Holi induista, entrambe ricorrenze legate all’equinozio di primavera.

Pesce d’aprile, come nasce la giornata degli scherzi

Le origini del pesce d’aprile non sono note, anche se sono state proposte diverse teorie. Una delle più remote riguarderebbe il beato Bertrando di San Genesio, patriarca di Aquileia dal 1334 al 1350. Bertrando di San Genesio avrebbe liberato miracolosamente un papa soffocato in gola da una spina di pesce. Per gratitudine il pontefice avrebbe decretato che ad Aquileia, il primo aprile, non si mangiasse pesce.

Un’altra teoria tra le più accreditate colloca la nascita del pesce d’aprile nella tradizione nella Francia del XVI secolo. In origine, prima dell’adozione del Calendario Gregoriano nel 1582, in Europa era usanza celebrare il Capodanno tra il 25 marzo e il primo aprile. Occasione in cui venivano scambiati pacchi dono. La riforma di papa Gregorio XIII spostò la festività indietro al primo gennaio, motivo per cui sembra sia nata la tradizione di consegnare dei pacchi regalo vuoti in corrispondenza del primo di aprile. Questo volendo scherzosamente simboleggiare la festività ormai obsoleta. Il nome che venne dato alla strana usanza fu poisson d’Avril, per l’appunto “pesce d’aprile”.

Il pesce d’aprile e la storia dei pescatori

Un’altra ipotesi sulla nascita del pesce d’aprile vede protagoniste le prime pesche primaverili del passato. Spesso accadeva che i pescatori, non trovando pesci sui fondali nei primi giorni di aprile, tornassero in porto a mani vuote. Per questo motivo erano oggetto di ilarità e scherno da parte dei compaesani.

Alcuni studiosi hanno inoltre ipotizzato come origine del pesce d’aprile l’età classica e, in particolare, hanno intravisto alcune possibili comunanze con l’usanza attuale sia nel mito di Proserpina (che dopo essere stata rapita da Plutone viene cercata invano dalla madre, ingannata da una ninfa), sia nella festa pagana dei Veneralia (dedicata a Venere Verticordia e alla Fortuna Virile) che si teneva il primo aprile.