Finalmente un prontuario di comunicazione digitale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Ottobre 2020 12:48 | Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre 2020 12:48
Finalmente un prontuario di comunicazione digitale. Di Benedetto Motisi

Finalmente un prontuario di comunicazione digitale

Un prontuario, un manuale di rapida consultazione dedicato alla comunicazione digitale, a firma Benedetto Motisi (giornalista ed esperto di ottimizzazione dei motori di ricerca), edito da Maggiolini Editore, con la prefazione di Luca Ferlaino, fondatore di SocialCom.

Il “Prontuario di Comunicazione Digitale” si rivolge in primo luogo a giornalisti, addetti stampa e, in generale, a tutti i professionisti della comunicazione; in particolare a quelli tra loro che, formatisi in un mondo nel quale i media tradizionali avevano un ruolo dominante, avvertono ora la necessità di comprendere il nuovo panorama dell’informazione creato dalla diffusione delle tecnologie digitali. Il testo ha il taglio del saggio, ma non disdegna gli elementi tecnici e le problematiche più comuni cui il professionista della comunicazione oggi deve far fronte. Un prontuario per imparare a conoscere, gestire e cavalcare lo tsumani della Digital Transformation, per evitare di rimanere travolti.

“Quello che intendo puntualizzare in queste pagine – spiega Motisi – è che, nonostante tutto, la comunicazione evolve, muta, cambia e taluni aspetti i quali vengono visti come storture sono frutto dell’adozione poco accorta del mezzo e non causati dallo stesso.”

Questo libro vuole essere un manuale che racconta quegli elementi tecnici e le problematiche più comuni che i professionisti della comunicazione devono affrontare.

Per raccontare ciò che ruota intorno alla creazione dei contenuti, Benedetto Motisi si serve di una serie di esempi ed eventi che hanno interessato la comunicazione in epoca contemporanea. Dall’utilizzo dei social network come veicolo principale di diffusione delle informazioni, al caso di alcuni partiti politici e movimenti d’opinioni italiani e del loro peculiare uso di internet come mezzo di propaganda. Passando attraverso le Fake News e i motivi che spingono gli utenti a renderle, consapevolmente o meno, virali.

Una visone chiara dello scenario attuale, caratterizzato infatti da una rapida conversione in cui il cartaceo è stato sostituito dall’informazione lampo di internet. A questo cambiamento ne seguono molti altri che toccano, insieme a quello di altri professionisti, il lavoro del giornalista.