Sedotta e abbandonata? Tornare felice costa 600 euro

di Maria Elena Perrero
Pubblicato il 23 ottobre 2011 18:51 | Ultimo aggiornamento: 23 ottobre 2011 19:25

ROMA, 23 OTT – Il prezzo della rottura di una relazione? Seicento. Non minuti passati a soffrire, o lacrime versate o amiche stressate con lamentele e rimpianti. Ma seicento euro.

La stima è stata fatta dal colosso britannico dei prodotti di bellezza e accessori vari – specificamente femminili – Superdrug, ed è stata riportata dal Daily Mail.

La donna del ventunesimo secolo, almeno quella del Regno Unito, ha messo da parte fazzoletti e cioccolato, e affronta la fine di un rapporto – fine non voluta, si intende – con dieta, palestra e soprattutto un restyling completo.

La ricerca di Superdrug è stata condotta su duemila donne e racconta con tanto di costi e percentuali dove vanno a finire i soldi (e le energie) delle signorine mollate.

In testa alla classifica delle azioni post-rottura c’è proprio la testa delle donne: non quella metafisica, ma quella ben più fisica che sorregge la capigliatura. Quasi cento sterline, cioè quasi 115 euro, finiscono proprio dal parrucchiere, tra taglio, colore, permanente e trattamenti vari.

Al secondo posto, ma qui la scelta va inquadrata soprattutto nel contesto britannico, ci sono gli spray abbronzanti e le lampade, per i quali le inglesi spendono quasi 40 sterline (circa 46 euro).

Seguono due tra i rifugi preferiti dalle donne di tutto il mondo: lo shopping di vestiti e scarpe. Per questi acquisti le neo-single britanniche spendono oltre duecento euro.

Per completare il rinnovo della parte più visibile di sé, la moderna Bridget Jones lascia altri 55 euro in profumeria, 60 euro dall’estetista e 95 euro per iscriversi in palestra.

Simon Comins, di Superdrug, ha giustificato tutte queste spese dicendo che essere scaricate “fa sentire orribile anche la più forte delle donne”. Ma il percorso tra boutique e centri estetici può voler dire anche un’altra cosa: sono metodi con cui le donne si mettono in discussione dopo essere state respinte.

E se magari non sono metodi molto spirituali o intellettuali, tre quarti delle donne della ricerca hanno detto di non rimpiangere neppure un penny speso in questo modo. Per di più in media ogni “lasciata” investe 80 euro alla settimana in uscite con amici e conoscenti per socializzare.

Un piano piuttosto completo per ricominciare ad essere felici, anche senza un uomo accanto. E di sicuro molto meno triste delle lacrime e dannoso del cioccolato.