Sedrik, dalla Costa D’Avorio a escort in Italia: “A ogni incontro guadagno…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 aprile 2018 16:18 | Ultimo aggiornamento: 5 aprile 2018 16:18
Sedrik, dalla Costa D'Avorio a escort in Italia: "A ogni incontro guadagno..."

Sedrik, dalla Costa D’Avorio a escort in Italia: “A ogni incontro guadagno…”

ROMA – Intervistato da “La Zanzara”, parla Sedrik, migrante arrivato anni fa dalla Costa D’Avorio in Italia e ora, felicemente, escort:

Tutte le notizie di Blitzquotidiano e Ladyblitz in queste App per Android. Scaricate qui Blitz e qui Lady

“Ho il permesso di soggiorno indeterminato – dice – e sono io che non ho ancora chiesto la cittadinanza. Mi piace stare qua, in Italia. Sono arrivato illegalmente, all’inizio ero in un centro d’accoglienza. Più di venti anni fa. Poi ho iniziato facendo il cubista e lo spogliarellista. Vedevo che alla fine delle serate comunque piacevo e andava a finire sempre allo stesso modo, cioè a letto con qualcuna. Allora mi sono detto: qui bisogna fare qualcosa di più, professionalmente”.

Che misure hai?: “Ventuno centimetri di lunghezza. Di larghezza sono sui 5 e mezzo, è bello grosso”. Quanto guadagni?: “Ogni incontro tiro su 200-250 euro. In tutto metto insieme più di 5000 euro al mese. Sono bisex, incontro sia uomini che donne ma soprattutto coppie. Questa delle coppie è la mia specialità”. Cosa chiede la coppia? “L’uomo chiede di vedere la sua tipa che viene scopata, ma ogni tanto la donna si spaventa per le mie misure. Altre invece dicono: è proprio la misura che cerco. Poi succede che anche l’uomo si diverta col mio attrezzo, non ho nessun problema, mi adatto. Ma non sono passivo. Alla fine sono un giocattolo, quindi devo far divertire. Questo per me è fondamentale. Pensa che delle escort donne mi chiamano perché hanno loro clienti che vogliono vedere che scopo lei come spettacolo”.

Sei a favore della legalizzazione?: “Sì, vorrei pagare le tasse. Sarei più sereno”. Come passi le tue giornate?: “In palestra e trombando. Vado in palestra 6 giorni su 7. A volte è un incubo, però devi farlo”.