Un nuovo strumento per capire l’Europa: on-line il sito della rivista Europea

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Ottobre 2020 6:38 | Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre 2020 12:41
rivista-europea

L’Europa vive oggi forse il momento più delicato dall’inizio del processo di integrazione, iniziato nel secondo dopoguerra.

Per tutti coloro che, senza pregiudizi, intendano avvicinarsi alla comprensione delle dinamiche storico-diplomatiche, politiche e filosofiche riguardanti il nostro continente è da oggi on-line il sito www.rivistaeuropea.it

Europea, nata nel 2016 e diretta dal professor Gianluigi Rossi, professore emerito di Storia delle Relazioni Internazionali alla Sapienza di Roma, è una rivista scientifica che desidera infatti porsi come un punto di incontro per tutti coloro che proprio all’Europa hanno dedicato e dedicano le loro ricerche e la loro attenzione.

Rivista Europea: come si presenta

Europea intende così presentarsi come una rivista scientifica tematica dell’età contemporanea, aperta al confronto e alla discussione, senza alcuna forma di pregiudizio ideologico o storiografico. Attraverso un approccio storico-diplomatico, politologico, ma anche filosofico e sociologico, la Rivista ospita contributi non necessariamente pro-europeisti, ma anche antieuropeisti, purché frutto di uno studio scientifico e mai di un mero pregiudizio ideologico.

Scegliendo di essere un periodico dell’età contemporanea, con una sincera vocazione internazionalistica, Europea si concentra sulle dinamiche dei secoli Ottocento e Novecento, ma analizza anche le sfide che il nuovo Millennio ha posto all’Europa, non perdendo mai di vista la necessità di riflettere intorno alle radici, all’identità e ai valori che definiscono la cultura europea.

Obiettivo il lettore non accademico

Obiettivo di Europea non è soltanto quello di circolare all’interno della Comunità scientifica, ma anche di interessare il lettore non accademico e di rivolgersi altresì ai giovani studiosi, dei quali intende ospitare contributi e ricerche. In un contesto, infatti, nel quale è sempre più difficile per i giovani talenti trovare spazi al fine di emergere, la Rivista vuole invece offrire le sue pagine ai loro lavori, oltre ovviamente ad accogliere contributi di accademici già affermati.