Rapporto Svimez: “Al sud una famiglia su cinque non ha i soldi per il medico”

Pubblicato il 20 luglio 2010 11:21 | Ultimo aggiornamento: 20 luglio 2010 11:23

Una famiglia meridionale su cinque non ha i soldi per andare dal medico e una su cinque non si può permettere di pagare il riscaldamento. E’ quanto rivela il rapporto Svimez sull’economia del Mezzogiorno 2010. Secondo la Svimez, nel 2008 nel 30% delle famiglie al Sud sono mancati i soldi per i vestiti e nel 16,7% dei casi si sono pagate in ritardo le bollette.

Otto famiglie su 100 hanno rinunciato ad alimentari necessari, il 21% non ha avuto soldi per il riscaldamento (27,5% in Sicilia) e il 20% per andare dal medico (in Sicilia e Campania circa il 25%).

Quasi un meridionale su tre e’ a rischio poverta’ a causa di un reddito troppo basso, contro 1 su 10 al Centro-Nord. E’ il verdetto enunciato dalla Svimez, secondo cui, in valori assoluti, al Sud, si tratta di 6 milioni 838mila persone, fra cui 889mila lavoratori dipendenti e 760mila pensionati.

I dati – gli ultimi disponibili, relativi alla situazione 2007 – emergono dal Rapporto Svimez sull’economia del Mezzogiorno secondo cui ben il 44% delle famiglie meridionali, quasi una famiglia su due, non ha potuto sostenere una spesa imprevista di 750 euro (26% al Centro-Nord). Secondo il rapporto, il 14% delle famiglie meridionali vive con meno di 1.000 euro al mese, un dato quasi tre volte superiore all’altra ripartizione (5,5%). Ed e’ da considerare che nel 47% delle famiglie meridionali vi è un unico stipendio, fetta che passa addirittura al 54% nel caso della Sicilia. Hanno inoltre a carico tre o piu’ familiari il 12% delle famiglie meridionali, un dato quattro volte superiore al Centro-Nord (3,7%), che arriva al 16,5% in Campania. Ma il rischio poverta’, secondo la Svimez, resta anche con due stipendi. Nel 2008, inoltre, e’ arrivata con difficolta’ a fine mese oltre una famiglia su 4 (25,9%), contro il 13,2% del Centro-Nord.

Sempre secondo il rapporto Svimez la crisi del 2008-2009 si è abbattuta come una scure sull’occupazione nel meridione: nel corso del biennio, infatti, l’industria del Mezzogiorno ha perso più di 100mila occupati (-12%). La perdita di occupazione registrata per effetto della crisi economica, ha spiegato il direttore della Svimez, Riccardo Padovani,è  di estrema gravità nel comparto industriale italiano. In particolare, la riduzione della manodopera industriale nel Mezzogiorno ”sta assumendo dimensioni mai sperimentate”: nel corso del 2009, ha sottolineato Padovani, si sono persi 61mila posti di lavoro dell’industria in senso stretto (-7% a fronte del -3,7% nel centro-nord).

La crisi erode ulteriormente la ricchezza al Sud tanto che, colpito duramente dalla recessione, il Pil di quest’area del paese nel 2009 e’ tornato ai livelli di 10 anni fa. Ma non solo: l’industria, il cui valore aggiunto e’ crollato del 15,8%, e’ addirittura ”a rischio di estinzione”. Secondo il rapporto Svimez serve un nuovo progetto Paese per il Sud, che parta dal rilancio delle infrastrutture, con piano di 38 miliardi di euro. Nel 2009 il Pil del Sud e’ calato del 4,5%, un valore molto piu’ negativo del -1,5% del 2008, leggermente inferiore al dato del Centro-Nord (-5,2%).

Il Pil per abitante e’ pari a 17.317 euro, il 58,8% del Centro-Nord (29.449 euro). Due, si legge, le cause principali dell’andamento recessivo: investimenti che rallentano e famiglie che non consumano. Queste ultime infatti hanno ridotto al Sud la spesa del 2,6% contro l’1,6% del Centro-Nord. Mentre gli investimenti industriali sono crollati del 9,6% nel 2009, dopo la flessione (-3,7%) del 2008. Si tratta, secondo l’istituto, di una ”situazione senza precedenti”. Dal 2008 al 2009 infatti l’industria manifatturiera del Sud ha perso oltre 100mila posti di lavoro, di cui 61mila soltanto lo scorso anno. In questo modo il gap dell’industria meridionale con il Centro-Nord e il resto dell’Europa si e’ ulteriormente aggravato. Secondo la Svimez per uscire dall’impasse occorre promuovere una nuova politica industriale specifica per il Sud, con risorse adeguate.

Uno degli elementi fondamentali dovrebbe essere costituito dalla fiscalita’ di vantaggio. Il tasso di occupazione nella media del 2009 e’ sceso dal 58,7% a 57,5%: su 380mila posti di lavoro in meno in tutto il Paese, 186mila sono stati al Centro-Nord (-1,1%) e 194mila in meno (-3%) al Sud. E al Sud i lavoratori hanno molte meno tutele: al Nord per ogni persona che perde il lavoro, 2 sono protette, al Sud e’ l’opposto, solo un lavoratore su 3 ottiene la Cig. Da segnalare poi che in 20 anni quasi 2,4 milioni di persone hanno abbandonato il meridione con 9 emigrati su 10 che si recano al Centro-Nord. Nel solo 2009 114mila persone si sono trasferite dal Sud al Nord, 8mila in meno rispetto al 2008. La crisi, inoltre, ha colpito duro i pendolari, generalmente giovani, laureati e precari. Nel 2009 sono stati 147mila, in calo del 14,8% rispetto al 2008, pari a 26mila in meno.