Usa, crisi. Celebre pensione per sole lesbiche a Key West accoglie anche gli uomini

Pubblicato il 27 Novembre 2010 11:12 | Ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2010 11:12

Heather Carruthers

In genere le lesbiche non hanno grandi simpatie per gli uomini, ed alla lussuosa pensione di Pearl’ Rainbow a Key West, la più meridionale del gruppo di incantevoli isole chiamate Florida Keys, è stato sempre così: di uomini neanche l’ombra. Le pensionate vogliono che sia così e la proprietaria della pensione, Heather Carruthers, si è sempre guardata bene dallo scontentarle.

Ma non in questo weekend di Thanksgiving, il Giorno del Ringraziamento, che come importanza per gli americani rivaleggia col Natale. La signora Carruthers, d’accordo con le sue pensionate, ha deciso di proclamare un ”all welcome”, tutti benvenuti, inclusi gli uomini.

La decisione coincide con l’onoreficenza concessa alla Pearl’s Rainbow da Curve, la più diffusa rivista per lesbiche, secondo cui la pensione ha avuto il più forte impatto sulla cultura lesbica negli ultimi 20 anni.

5 x 1000

La decisione di proclamare l”’all welcome”, dice la Carruthers, è stata presa sulla base di varie considerazioni. In primo luogo la crisi economica, che ha assottiliato di parecchio la frequenza delle pensionate, e poi la richiesta di queste ultime di farsi occasionalmente accompanare alla Pearl’s Rainbow da amici o membri delle loro famiglie.

Inoltre, scrive il Miami Herald, c’è la buona notizia che le lesbiche sono ora molto più accettate di prima e si sentono più a loro agio tra la popolazione in generale. ”Si possono tenere per mano dovunque vogliono”, dice la Carruthers, ”e questo è il mondo che desideriamo. Non vogliamo necessariamente essere segregate”.

Ma l’iniziativa ”all welcome” della Pearl’s Rainbow non ha trovato riscontro tra gli uomini gay di Key West, una cittadina di 25 mila persone  dove tra gli altri sono gay il capo della polizia, il presidente del Rotary Club, oltre 400 membri della camera di commercio e funzionari governativi locali.

A Key West ci sono almeno nove pensioni per gay, e il manager e vice-presidente di tre di esse ha escluso che possano seguire la Pearl’Rainbow sulla strada dell’ ”all welcome”.

”Assolutamente no”, ha detto un portavoce dell’azienda Tinlin, che controlla un complesso di pensioni tra cui l’Oasis Resort, la Coconut Grove Resort e la Coral Tree Inn. ”I nostri affari vanno male a causa della crisi economica e la marea nera della BP, ma per noi è molto importante che le pensioni mantengano la reputazione di accogliere solo uomini gay”.