Usa. L’82 per cento dei newyorkesi ritiene che la città è troppo cara

Pubblicato il 28 Giugno 2013 11:58 | Ultimo aggiornamento: 28 Giugno 2013 11:58

NEW YORK, STATI UNITI – Che New York non sia una città a buon mercato per i turisti è un fatto noto, ma ora anche l’82 per cento dei newyorchesi ritiene che non lo sia, contro un esiguo 1 per cento che invece la valuta ”molto conveniente”.

E’ quanto emerge da un sondaggio condotto da Wall Street Journal e Nbc, che mostra un deciso aumento del numero di coloro che ritengono la citta’ troppo cara. E questo soprattutto a causa degli affitti elevati: un appartamento modesto di una camera da letto costa almeno 2.000 dollari al mese a Manhattan, anche se i prezzi salgono oltre i 3.000 a seconda delle zone.

Non economiche neanche le uscite serali, dove un cocktail costa come minimo 14 dollari, in alcuni bar si arriva anche a 30 dollari al bicchiere. A rendere la citta’ piu’ cara e’ soprattutto il calo dei redditi medi delle famiglie a causa della recessione.

Fra il 2007 e il 2011 sono scesi a 50.000 dollari l’anno da 54.000 dollari contro un aumento medio degli affitti dell’8,5%. Un divario che spinge molti fra i giovani a considerare di lasciare la citta’: un terzo degli under 30 interpellati nel sondaggio dichiarano che stanno considerando l’ipotesi di trasferirsi.

Secondo lo studio, sette newyorkesi su dieci intendono comunque restare in citta’ a fronte di un 20% che ritiene di trasferirsi nell’arco dei prossimi cinque anni.