Studio Usa: rapporti orali sono il preludio della “prima volta”

Pubblicato il 10 Gennaio 2011 19:18 | Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio 2011 19:18

Il sesso orale è una sorta di ‘passaggio’ che porta inevitabilmente ad avere il primo vero rapporto sessuale. Secondo una ricerca condotta su studenti della California, pubblicata su Usa Today, le adolescenti che praticanno sesso orale per la prima volta avranno un rapporto completo entro sei mesi.

“Abbiamo scoperto – ha detto Anna V. Song, docente alla University of California-Merced – che il sesso orale è significativamente correlato al sesso vaginale”. Questo vale però per gli adolescenti. Quando si passa infatti questo periodo critico non ci sarebbero più connessioni fra i due tipi di rapporti. Secondo i ricercatori, il rischio per le adolescenti sarebbe ai primi approcci sessuali sarebbe quello di ignorare o sottovalutare l’importanza del loro passo, nonchè la necessità di prendere precauzioni per evitare di essere contagiati da una malattia sessualmente trasmettibile. Ecco perchè gli scienziati hanno invitato i genitori a parlare di sesso con i propri figli in modo più chiaro.

“Abbiamo bisogno – ha detto Bonnie L. Halpern-Felsher, docente alla University of California, San Francisco – di parlare di più con gli adolescenti di sesso. Inoltre, quando si parla con uno di loro di sesso bisogna considerare che per loro significa soltanto sesso vaginale. Ma è chiaro che c’è una progressione di comportamenti sessuali, anche se gl i adolescenti pensano che il sesso orale è un modo per avere una sorta di rapporto senza fare sesso reale”. “Non possiamo essere – ha concluso – in imbarazzo a riguardo. E’ troppo importante”.