Falli di legno doc e vibratori solari: sono i sex toys ecosostenibili

Pubblicato il 7 Dicembre 2011 13:12 | Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre 2011 14:46

ROMA – Una ditta americana ha lanciato la sua prima linea di giochi erotici ecosostenibili. Manette di plastica riciclata, falli di legno proveniente da foreste certificate e vibratori a batterie ricaricabili o energia solare dimostrano che ecosostenibilità e piacere possono andare a braccetto.

I green sex toys rappresentano la nuova frontiera del sesso eco-compatibile: scrupolosa attenzione viene posta nella scelta dei materiali utilizzati, tutti testati ed ecosostenibili e nella riduzione degli sprechi, con l’eliminazione delle batterie usa e getta. Il sesso verde è anche attento alla salute dei consumatori: nessuno dei giocattoli contiene addolcitori della plastica o altre sostanze cancerogene o che potrebbero danneggiare lo sperma.

Ce n’è per tutte le tasche: si va dal preservativo vegano a un euro (che non contiene il latte come la maggior parte dei condoms), ai 232 dollari di Vanity Bunny, coniglietto viola in silicone naturale con stazione di ricarica a induzione. La clientela,  secondo Corrado Parisi, proprietario di un sex shop in via Melzo a Milano è “sempre più attenta alle nuove tecnologie”. Vanno per la maggiore i vibratori “che si ricaricano come i cellulari e i prodotti anallergici”. Da non sottovalutare, sempre secondo il proprietario del negozio erotico, sarebbe un aumento della clientela femminile che si mostra più attenta all’aspetto salutare dei giocattoli.

Oltre all’oggettistica anche il mondo della pornografia ha mostrato attenzione per la salvaguardia dell’ambiente. Il pornoattore abruzzese Rocco Siffredi ha detto: “Noi non inquiniamo al 100%: sui set, infatti, lavoriamo solo con i nostri corpi. Per quanto riguarda il settore dei giochi erotici, l’importante è che non danneggino il corpo e la persona. Le ultime ricerche sono molto impegnate nel cercare materiali che al tatto sembrino pelle vera. Prodotti realistici piuttosto che meno inquinanti”. Parola di intenditore.