Scozia, referendum sull’indipendenza: sondaggio al seggio, avanti il “No”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 settembre 2014 15:27 | Ultimo aggiornamento: 18 settembre 2014 15:30
Scozia, referendum sull'indipendenza: sondaggio al seggio, avanti il "No"

Scozia, referendum sull’indipendenza: sondaggio al seggio, avanti il “No”

EDIMBURGO, SCOZIA (GRAN BRETAGNA) – Il “No” all’indipendenza della Scozia sarebbe avanti con il 53% contro il 47% dei “Sì”, secondo un final poll (sondaggio all’uscita dei seggi) di cui dà notizia il Guardian.

A differenza di quanto succede in Italia si possono pubblicare i risultati dei sondaggi quando la votazione è ancora in corso. I primi risultati ufficiali si sapranno solo domani mattina (venerdì 19 settembre).

Oggetto del referendum è la secessione della Scozia dal Regno Unito (o Gran Bretagna, che comprende anche Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord), dopo 307 anni. Al voto sono chiamati 4,29 milioni di scozzesi, in 2.600 seggi che saranno aperti dalle 8 alle 23. Hanno già votato in 600 mila per corrispondenza, con un affluenza prevista dell’80%.

Il Sole 24 Ore riporta i risultati dei sondaggi prima del voto:

Gli ultimi tre sondaggi danno il «No» in vantaggio di quattro punti sul «Sì». I tre rilevamenti – Icm per Scotsman (45% contro 41%), Opinium per il Daily Telegraph (49% contro 45%) Survation per il Daily Mail (48% contro 44%) – sono identici se si escludono gli indecisi: il «No» all’indipendenza vince con il 52% sul «Sì» che raccoglie il 48%.

Nel caso degli indecisi, che è il dato fondamentale, le percentuali variano nei tre rilevamenti: dal 14% all’8% fino a scendere al 6%. A questa fetta di elettorato si sono rivolti nelle ultime ore i leader politici britannici e quelli scozzesi dei due campi avversi – «Better Together» e «Yes Scotland» – che ieri hanno organizzato due grandi comizi nel centro di Glasgow.

Nell’ultimo sondaggio di Ipsos Mori sul referendum scozzese i secessionisti raggiungono il 47%, mentre gli unionisti sono in vantaggio col 53%, se si escludono gli indecisi. Nella stessa rilevazione è emerso che il 46% degli scozzesi prevede una vittoria del “no”, mentre il 30% del “sì”.