Abramovich assente alla finale del Chelsea perché gli è scaduto il visto: colpa di stretta Gb su oligarchi russi

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 maggio 2018 7:14 | Ultimo aggiornamento: 21 maggio 2018 20:35
Abramovich assente alla finale del Chelsea perché gli è scaduto il visto: colpa di stretta Gb su oligarchi russi

Abramovich assente alla finale del Chelsea perché gli è scaduto il visto: colpa di stretta Gb su oligarchi russi

LONDRA – Perché Roman Abramovich, proprietario del Chelsea Football Club, non era presente alla grande finale in cui la sua squadra ha vinto la Coppa? [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Perché gli è scaduto il visto per stare in Gran Bretagna e il ministero degli Interni inglese non glielo ha ancora rinnovato.

Il miliardario russo, dunque, non ha partecipato alla finale di FA Cup a Wembley, partita in cui il Chelsea ha battuto il Manchester United per 1-0. Una fonte vicina al 51enne ha detto che sarebbe in procinto di rinnovare il visto ma avrebbe richiesto più tempo del solito. A una domanda riguardo al visto, il ministro della Sicurezza Ben Wallace ha dichiarato: “Non rilasciamo commenti sui singoli casi”.

L’ufficio di Abramovich ha affermato che non discute questioni personali con i media. I report ipotizzano che il visto per gli investitori sia scaduto tre settimane fa. Il ritardo arriva in un momento di crescenti tensioni diplomatiche tra Londra e Mosca, in seguito all’avvelenamento dell’ex spia russa Sergei Skripal a Salisbury.

Daniel Sandford, corrispondente della BBC, ha detto che Abramovich sembra essere in grado di gestire le sue attività in Russia senza interferenze significative dal Cremlino, lasciando intendere che è abbastanza vicino al presidente Vladimir Putin. Ma ha aggiunto che non è chiaro se il ritardo nel rinnovo del visto sia in qualche modo collegato al deterioramento delle relazioni tra i due Paesi.

Abramovich, che ha realizzato una fortuna con petrolio e gas negli anni ’90, nel 2003 è diventato proprietario delle società che controllano il Chelsea. Secondo il Sunday Times Rich List, è il tredicesimo uomo più ricco della Gran Bretagna, con un patrimonio netto di 9,3 miliardi di sterline; possiede una villa nei Kensington Palace Gardens, la più costosa strada di Londra.

Abramovich è stato anche ex governatore di Chukotka, una remota provincia russa. Da quando ha acquistato il Chelsea, è stato un assiduo frequentatore del Regno Unito, ha presenziato a molte partite giocate in casa ed è stato a Wembley per le precedenti finali di coppa.

Il suo Boeing 767 privato ha lasciato il Regno Unito il 1 aprile e da allora ha viaggiato a Mosca, New York, Monaco e Svizzera, ma non sembra sia tornato in Gran Bretagna. Il 51enne è uno dei miliardari più ricchi della Russia, secondo quanto riferito, prima di fare fortuna con il petrolio negli anni ’90 durante la perestrojka, vendeva bambole di plastica a Mosca.

Abramovich era socio in affari una tantum del defunto magnate Boris Berezovky, che vantava connessioni con l’allora presidente russo Boris Yeltsin. I detrattori sostengono che i due abbiano utilizzato i legami “familiari” del Cremlino per acquisire, a un valore inferiore, società chiave dello Stato.