Ciclismo, Aldo Moser è morto a 86 anni. Il fratello di Francesco era malato di Covid

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 Dicembre 2020 18:30 | Ultimo aggiornamento: 2 Dicembre 2020 19:45
Aldo Moser, foto Ansa

Aldo Moser (il primo a sinistra) in una foto Ansa del 2019

Lutto nel mondo del ciclismo italiano. All’età di 86 anni è morto Aldo Moser. Il fratello maggiore di Francesco è deceduto a seguito delle complicazioni causate dal Covid-19. 

Aldo Moser era capostipite di una lunga dinastia di ciclisti. Era fratello di Francesco ma anche di Enzo e Diego e zio di Moreno.

Chi era Aldo Moser

Aldo Moser era originario di Palù di Giovo località del Trentino dove nacque il 7 febbraio del 1934. Dal 1954 al 1974 fu un ciclista professionista, partecipò sedici volte al Giro d’Italia e in quattro edizioni indossò la maglia azzurra ai Mondiali, la prima nel 1955 a Frascati e l’ultima nel 1971 a Mendrisio. Gareggiò sia con Fausto Coppi che con il fratello ‘Checco’. Nel 1991 venne premiato con il ‘Premio Ciclismo Vita Mia’.

Tra i suoi successi figurano la Coppa Agostoni nel 1954, il Gran Premio Industria e Commercio di Prato nel 1955, due edizioni del Trofeo Baracchi nel 1958 e 1959, il Grand Prix des Nations a cronometro nel 1959, la Manica-Oceano nel 1960 e la Coppa Bernocchi nel 1963, vinta dopo 70 chilometri di fuga solitaria.

Per quattro volte vestì la maglia azzurra ai Mondiali su strada: a Frascati nel 1955, a Waregem nel 1957, a Reims nel 1958 e a Mendrisio nel 1971.

Aldo Moser al Giro d’Italia

Aldo Moser partecipò a 16 edizioni del Giro d’Italia e arrivò quinto nel 1956 indossando due volte la maglia rosa. Nel 1962 si classificò terzo al Tour de Suisse.

Nel 1973 la sua ultima stagione da professionista. In quell’anno corse nella Filotex con tre dei suoi fratelli, Enzo, Diego e Francesco. Nel 1974 era tesserato per la Furzi ma non corse mai. Il suo ritiro avvenne a fine marzo (fonte: Ansa, Agi, L’Adige).