Alessia Orro, lo stalker era dovunque: sugli spalti, sull’aereo, in albergo…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Settembre 2019 17:40 | Ultimo aggiornamento: 25 Settembre 2019 17:40
Alessia orro Stalker dovunque aereo hotel spalti

Alessia Orro in una foto dai social network

VARESE – Da qualche giorno, è stato arrestato lo stalker della pallavolista Alessia Orro. Enzo Barbaro, direttore generale della Uyba Busto Arstizio di volley femminile, ha voluto parlare di questa sua brutta disavventura nel corso di una intervista rilasciata a Marco Bonarrigo per il “Corriere della sera”. Riportiamo una piccola parte delle sue dichiarazioni.

«C’ è stato un momento – breve per fortuna – in cui sembrava impossibile risvegliarsi dall’ incubo. Quell’ uomo era ovunque: negli spazi vip durante le gare, sugli spalti mentre ci allenavamo, nelle hall degli alberghi delle città dove giocavamo, a bordo dei nostri voli. Poi per fortuna sono arrivati gli uomini della polizia: ci hanno chiesto solo di stringerci attorno ad Alessia che a tutto il resto avrebbero pensato loro. E noi abbiamo fatto quello che forse, come giocatori di volley, ci riesce meglio: alzato un muro».

Alessia Orro, è stato arrestato il suo stalker. 

Un uomo di 53 anni, un professionista di Novara, è stato arrestato dalla Polizia per stalking ai danni di Alessia Orro, 21 anni, giocatrice di pallavolo della Unet Yamamay di Busto Arsizio (Varese) e della Nazionale. 

Secondo le indagini del Commissariato di Busto Arsizio, l’uomo per mesi avrebbe contattato la giovane sui social per instaurare una relazione fino a minacciarla e pedinarla, seguendo tutti gli incontri della sua squadra. 

L’uomo la voleva convincere a diventare a tutti i costi la sua partner e, per farlo, la tormentava sui social, la seguiva ad ogni allenamento seduto sugli spalti e aveva acquistato un abbonamento “vip” della sua squadra di pallavolo per poterla seguire anche in trasferta.

L’uomo è stato arrestato lunedì 23 settembre dalla polizia appena sbarcato da un volo proveniente da Olbia, dove era andato a seguire un match in trasferta della squadra di Serie A in cui gioca Alessia Orro.

La giovane sportiva, sentita in tarda serata per la sua ultima verbalizzazione, ha raccontato l’ennesimo episodio di stalking dell’uomo, che avrebbe anche scelto, in trasferta, gli stessi hotel in la ragazza soggiornava con la squadra, pur di non perdere occasione di avvicinarla. Le offriva mazzi di fiori e inviti a cena, chiedendo incontri intimi.

Gli investigatori, effettuando accertamenti sul suo conto hanno scoperto che in passato aveva già perseguitato altre due donne e che, fermato per un controllo, era stato trovato in possesso di due coltelli e arrestato (fonte Ansa).