Alex Dinu si è suicidato dopo la prestazione flop del suo idolo Messi contro la Croazia

di redazione Blitz
Pubblicato il 24 giugno 2018 14:21 | Ultimo aggiornamento: 24 giugno 2018 14:21
Alex Dinu si è suicidato dopo la prestazione flop del suo idolo Messi contro la Croazia

Alex Dinu si è suicidato dopo la prestazione flop del suo idolo Messi contro la Croazia

KERALA – Alex Dinu era un laureato in chimica che lavorava come contabile ma soprattutto era innamorato calcisticamente di Leo Messi. Dopo la sconfitta clamorosa dell’Argentina contro la Croazia, con prestazione flop di Leo Messi, Alex Dinu ha deciso di suicidarsi. Nel letto del fiume Meenachil a Kottayam è stato rinvenuto il suo cadavere [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

Nella sua pagina online il quotidiano «The Times of India» cita una fonte della polizia secondo cui i resti di Alex sono stati rinvenuti oggi, confermando così l’ipotesi del suicidio da lui segnalata in una lettera lasciata nella cucina di casa sua dopo aver assistito alla debacle della «Albiceleste».

Come scrive Il Corriere della Sera, l’uomo si era seduto da solo davanti alla tv per assistere al match indossando, secondo i genitori che avevano denunciato la sua scomparsa al commissariato, una maglietta della nazionale argentina.

«Non mi resta più nulla da vedere al mondo – aveva drammaticamente scritto in lingua malayam al termine della partita – me ne vado… nessuno deve essere considerato responsabile della mia morte».

Chiuso ed introverso secondo chi lo conosceva, aveva scritto in uno dei suoi diari: «Messi, la mia vita è dedicata a te, in attesa di vederti alzare al cielo la Coppa» del Mondiale in Russia. Un’ipotesi che, paradossalmente potrebbe ancora avverarsi. CLICCA QUI per il tabellone completo dei Mondiali.

Tutti i gironi dei Mondiali:

  • Gruppo A: Russia, Arabia Saudita, Egitto e Uruguay.
  • Gruppo B: Portogallo, Spagna, Marocco e Iran.
  • Gruppo C: Francia, Australia, Perù e Danimarca.
  • Gruppo D: Argentina, Islanda, Croazia e Nigeria.
  • Gruppo E: Brasile, Svizzera, Costa Rica e Serbia.
  • Gruppo F: Germania, Messico, Svezia e Corea del Sud.
  • Gruppo G: Belgio, Panama, Tunisia e Inghilterra.
  • Gruppo H: Polonia, Senegal, Colombia e Giappone.