Allegri-Pirlo, si (ri)trovano alla Juve dopo che al Milan…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Luglio 2014 11:14 | Ultimo aggiornamento: 16 Luglio 2014 11:14
Allegri-Pirlo, si (ri)trovano alla Juve dopo che al Milan...

Allegri-Pirlo ai tempi del Milan

TORINO – Massimiliano Allegri sarà l’allenatore della Juventus. E alla Juventus (ri)troverà Andrea Pirlo, che proprio lui mandò via dal Milan nel 2011. E la domanda sorge spontanea: che ne sarà di Pirlo?

Andrea Pirlo andò via dal Milan proprio perché non faceva più parte del progetto di Allegri e quindi, visto che non c’è molta compatibilità tra i due, il suo futuro alla Juventus è clamorosamente in bilico. L’arrivo di Allegri potrebbe cambiare il calciomercato della Juve, stando a quando scrive Tuttosport, Pirlo non sarebbe neppure disposto ad accogliere Allegri a braccia aperte.

Ecco uno stralcio dell’intervista alla Gazzetta dello Sport di Andrea Pirlo sulla fine del rapporto con il Milan:

Pirlo, si è sentito sottovalutato e scaricato dal Milan?

“Le cose sono andate così. Quando abbiamo parlato del mio contratto, mi hanno proposto il rinnovo per un anno. Io chiedevo un triennale perché ero più giovane degli altri giocatori in scadenza. Ma il vero motivo del mio trasferimento è stato un altro: Allegri voleva piazzare davanti alla difesa Ambrosini o Van Bommel e io avrei dovuto cambiare ruolo. Allora ho detto ‘no, grazie’ e ho scelto la Juve, che mi offriva motivazioni importanti. Ci tengo a dire che non è stata una questione economica”.

Quindi è stata una scelta tecnica.

“Il Milan ha deciso che non servivo più. L’ho capito subito durante quel colloquio. Nel mio ruolo Allegri preferiva altri giocatori”.

Le diede fastidio la richiesta di prova tv pubblicata sul sito del Milan per una sua presunta gomitata a Van Bommel nello scontro diretto?

“Certo: ho giocato lì 10 anni, sanno che io non faccio certe cose”.